annotazioni creative #agosto

1 agosto 2014 § Lascia un commento

Strano mese questo appena trascorso,
la pioggia è stata la variabile costante, i nostri giardini non hanno mai visto prati così verdi! Mentre piante e fiori ringraziano, l’agricoltura è in ginocchio , frutta e ortaggi non riescono a maturare e iniziano a marcire così come i cereali. Speriamo in un agosto come da tradizione!

Agosto

- Fanno riflettere i pensieri di un agricoltore senza tempo, blog di un amante della campagna che vede nella Naturalità l’unica via, bella scoperta della blogsfera il cui link è stato segnalato da Francesca.

il vegetable

source

- L’orto quest’anno è stato penalizzato dal tempo, una coltivazione in vasconi sul terrazzo essendo magari più facile da controllare può rappresentare una piccola soluzione alternativa. Ho recentemente conosciuto un giovane ingegnere, Giacomo Borta, che ha progettato un interessante sistema modulare per una coltivazione agevole e alla portata di tutti. VegeTable TM, sono vasche realizzate in acciaio verniciate all’acqua e legno massiccio di larice al naturale con Certificazione PEFC per la Chain of Custody. I moduli sono ad altezza bancale e permettono di lavorare una piccola porzione di orto senza chinarti, senza sporcare, in completa consapevolezza e comodità. Sono concepiti per permettere all’acqua in eccesso di fuoriuscire attraverso due appositi ugelli, si può riciclare posizionando sotto VegeTable  un annaffiatoio. Inoltre le gambe in acciaio inox.sono dotate di ruote per un facile spostamento.

porta oggetti Burgon & Ballsource

- Mentre preparo le ultime consegne di lavoro prima della pausa estiva (non la mia purtroppo, quella delle riviste e dei portali web…) sogno di visitare giardini, di avere il tempo di leggere  libri scritti dalle amiche (anche questo) e faccio incursioni di shopping giardinicolo sui portali web.
Ho scoperto che su Amazon.it hanno in vendita alcuni prodotti della Burgon & Ball, azienda inglese che produce articoli di grande qualità e raffinato design, ogni tanto cedo e mi faccio qualche regalino. Vi consiglio una visita al portale, per comodità oltre al link qui sull’articolo, potete accedere anche attraverso il banner sempre presente sulla barra a destra del mio blog.

porta attrezzi

source

- Sempre su Amazon.it ho acquistato proprio ieri un porta attrezzi da muro che avevo salvato tra i preferiti ed era stato messo in saldo, non è bellissimo?

Oziorrinco in giardino

30 luglio 2014 § 10 commenti

“L’estate in giardino porta a volte con se spiacevoli presenze,

Oziorrinco su Hosta

danni su foglie oziorrinco

danni oziorrinco

nemici invisibili che lasciano traccia indelebile sulle piante. Se avete notato sulle foglie insoliti ceselli che paiono merletti, non c’è dubbio sul passaggio del temuto nemico, invisibile sì, ma solo di giorno perchè come ogni predatore che si rispetti, ha scelto la notte per compiere i suoi misfatti!

misure oziorrincomisura oziorrinco di circa un centimetro

Dovrete combattere contro un tipo tosto, dalla scura e dura corazza, che non si lascia facilmente intimorire, il suo nome è Otiorhynchus sulcatus ribattezzato familiarmente  l’ oziorrinco da Ippolito Pizzetti

Le strategie di lotta, se si vuole ottenere un buon risultato, devono iniziare ai primi segni del suo passaggio.

Gli adulti compaiono in maggio e sopravvivono fino all’autunno, nel frattempo gli individui di sesso femminile dopo un mese di alimentazione iniziano a deporre centinaia di uova. Le larve vivono nutrendosi delle radici della piante. Svernano e nell’aprile successivo compaiono i nuovi adulti.

Ai fini della lotta è necessario intervenire tempestivamnte contro le larve in tarda primavera-inizio estate con nematodi entopatogeni, piccoli organismi vermiformi antagonisti che vivono nel terreno a spese delle larve degli insetti, distribuiti nel vaso o nel terreno. Contro gli adulti ai primi segnali dell’attacco, possibilmente prima che le femmine inizino a ovideporre, si impiegano piretroidi ad azione abbattente per contatto e ingestione.

strumenti cattura oziorrincobarattolo per catturarli e torcia da speleologo per uscite notturne

Infine, la lotta manuale consiste nel catturare e distruggere l’insetto, uscendo di notte muniti di torcia, molto utile in questo caso quella a fascia da portare in testa come quella usata dagli speleologi.”

da un mio articolo pubblicato nel luglio 2013 sul portale Premiaty di SIGMA

Ultimamente mi è stato suggerito l’utilizzo di un particolare fungo entomopatogeno, Metarhizium anisopliae, attivo contro gli insetti che vivono nel terreno e pare molto più efficace dei nematodi. E’ un insetticida biologico che agisce per contatto contro tutti gli stadi di sviluppo dell’oziorrinco, provvederò al più presto ad utilizzarlo, non appena terminerà la “stagione delle piogge” perchè pare che l’umidità inibisca la buona riuscita del trattamento.

Per maggiori informazioni e consigli e per conoscere il risultato del trattamento contattatemi al mio indirizzo di posta elettronica simonettachiarugi@gmail.com

composizione con ortensie

27 luglio 2014 § 6 commenti

E’ facile creare composizioni floreali
quando si ha un intero giardino a disposizione, un pezzo di bosco e un prato dai quale attingere!

composizione

Per la composizione ho utilizzato:

-Hydrangea macrophylla 
-Hydrangea arborescens ‘Invincibelle Spirit’
-Achillea millefollium, 
-Athyrium filix 
-Dryopteris filixmas

hydrangeainvincibelle-incredibal:

Dal giardino… ho prelevato qualche infiorescenza di ortensia, è questo il momento giusto per raccoglierle e farle essiccare quando il colore intenso dei fiori inizia a prendere pallore e vira al verde. Oltre alla classica Hydrangea macrophylla di colore rosa pallido, ho privato di due steli fioriti la pianta di Hydrangea arborescens ‘Invincibelle Spirit’ messa a dimora lo scorso autunno. Un bellissimo hybrido che conquisterà tutti gli appassionati che già coltivano o conoscono Hydrangea arborescens ‘Annabelle’,  nata dal suo incrocio con un’ Hydrangea arborescens rosa, nativa del Nord America, arbusto che vanta una bella storia.

Hydrangea macrophylla

felce con spore

Dal bosco… ho poi raccolto foglie di felce che crescono in abbondanza e in varietà differenti. Sono ora cariche di spore pronte per la moltiplicazione, non vi preoccupate quindi se nella pagina inferiore notate tanti piccoli puntini bruni, non è una malattia (come aveva erroneamente creduto mia madre  riguardo la pianta che le avevo regalato).

Achillea millefolium

Dal prato… ho ‘rubato’ infine qualche ombrella di Achillea millefollium, pianta che nasce spontanea in tutto il territorio italiano e si dissemina in abbondanza.

breve note colturali

Hydrangea arborescens ‘Invincibelle Spirit’

E’ hybrido di ortensia molto facile da coltivare, adatto ai climi con inverni rigidi dove tollera temperature fino a -40°. Necessita di almeno quattro ore di sole ogni giorno preferibilmente al mattino, nei climi freddi può sopportare più ore di sole al contrario dove fa più caldo, richiede di essere messo a dimora in zone con ombra pomeridiana. Come tutte le ortensie ama abbondanti irrigazioni soprattutto durante i primi due anni dopo l’impianto. Uno spesso strato di pacciamatura contribuirà a mantenerne fresche le radici in estate e calde in inverno. Hydrangea arborescens ‘Invincibelle Spirit’ ha la capacità di rifiorire fino all’arrivo delle prime gelate e per stimolare la formazione di nuovi fiori recidete le vecchie infiorescenze sopra una coppia di foglie. A inizio primavera potate la pianta rimuovendo gli steli esili e i rami che sfioriti e fornite concime granulare specifico per arbusti da fiore per preparare la pianta ad una nuova stagione.

- Per acquistare felci vi consiglio la visita al vivaio Central Park , davvero straordinario, specializzato in piante da ombra. Presente a tutt ele più importanti mostre vivaistiche nazionali.

acque aromatizzate

22 luglio 2014 § 14 commenti

In estate l’acqua è quanto mai preziosa,
abbevera le piante e disseta il corpo.

acqua alla rosa

Ad accogliere gli amici arrivati a Buttrio (UD) per l’evento organizzato da fiorirà un giardino® al quale ho recentemente partecipato ordinate file di brocche contenenti fresche acque aromatizzate attendevano solo di essere versate.

acqua cedrina
Ricordo la prima volta che ebbi occasione di assaporare dell’acqua aromatizzata con poche foglie di Lippia citradora, la comune erba luisa o cedrina, fu una grande scoperta che nella sua semplicità mi conquistò. Decisamente niente di nuovo, già dal medioevo se ne faceva largo uso.

acqua fiorirà un giardino
Ora che le piante aromatiche offrono la pienezza della loro fragranza, è il momento di preparare acque aromatizzate e sbizzarrirsi con diverse combinazioni, un po’ di oli essenziali saranno trasmessi nell’acqua e così anche le proprietà benefiche. Preparatele con acqua fresca preferibilmente di buona fonte, aggiungete l’ingrediente prescelto e lasciate riposare in frigo per un paio di ore. Servite in una brocca di vetro trasparente, l’acqua non solo acquisterà un nuovo sapore ma sarà anche bella da vedere!

Qualche suggestione:

  • fette di limone e foglie di basilico o menta
  • foglie di melissa
  • foglie di erba luisa o cedrina
  • fiori d’arancio
  • fiori di sambuco
  • petali di rosa profumata

Felicia amelloides

19 luglio 2014 § 4 commenti

“Il suo nome deriva dal latino e significa ‘felice’,
è così chiamata a ricordo di Herr Felix, consigliere a Ragesburg, ma coincide anche con l’aggettivo che meglio qualifica la sua crescita e la produzione di fiori a piccola margherita del colore del cielo che la pianta regala generosa dalla primavera fino all’autunno.

Felicia amelloides
Conosciuta anche come Agathea coelestis o Margherita di Sant’Agata, è un’arbustiva perenne di vita breve originaria del Sud Africa, appartenente alla famiglia delle Asteracee, è molto utilizzata nei giardini nella fascia climatica temperata in tutto il mondo per la grande capacità di adattamento dove viene usata indistintamente nelle roccaglie, in aiuola o nei vasi in terrazzo.Nei luoghi di origine vive bene anche nelle zone sabbiose ed è quindi una pianta impiegata per aiutare a stabilizzare le dune, ama il sole e nella sua posizione ideale riceve i raggi solari dellamattina e l’ombra del pomeriggio.
In terrazzo o sul balcone riservate a Felicia amelloides abbondante spazio perchè in tempi brevi tenderà ad allargarsi. Disegna graziosi cuscini dal portamento semi prostrato punteggiati di fiori azzurri che si elevano sopra la vegetazione e si chiudono di notte e nelle giornate nuvolose. Tagliare dopo la fioritura per favorire la crescita della pianta e rimuovere i capolini appassiti.

taglio fiore

Durante l’estrema calura estiva la pianta può soffrire la siccità e in vaso o in altro contenitore preparati comunque con substrato drenante, beneficia di un piccolo impianto di irrigazione per rinfrescarsi. Sverna senza problema nelle regioni più calde ma con temperature inferiori ai 4°-5° si comporta come un’annuale. Resistente al vento e amante degli ambienti assolati risulta dunque un ottima soluzione vegetale per i terrazzi al mare.
Felicia invecchia rapidamente, in genere il suo ciclo vitale si compie in circa 5 anni e per moltiplicarla si consiglia di preparare talee semilegnose che attecchiscono con successo, prelevate dai nuovi getti non fioriferi posti in una miscela di terriccio con prevalenza di materiale drenante come sabbia, vermiculite o perlite. Di facile riuscita anche la semina, i semi interrati a marzo in luogo riparato, generano presto piantine che potranno già essere trapiantate a dimora in maggio e nell’arco di un anno raggiungono un diametro di 70 – 80 centimetri. Per mantenere folto e compatto il cespuglio occorre cimare più volte i nuovi getti soprattutto nelle giovani piante, per favorire un buon accesimento e modellarne la forma.”

Da un mio articolo pubblicato su  Vivere Country luglio 2013

Vivere Country di agosto è già in edicola!

fiorirà un giardino

16 luglio 2014 § 6 commenti

Quando accade che l’amore per le piante e la natura
incontrano il buon gusto e le due cose sono doni di persone creative, puó nascere qualcosa di speciale, se poi una passione si trasforma in lavoro non c’è quasi nulla di più stimolante e appagante.

Alessandra e Francesco

Così é stato per Alessandra Fior con un titolo di agraria nel cassetto ed esperienza nel settore commerciale di prodotti agricoli quando, circa venti anni fa ha deciso di disegnare la sua prima collezione di articoli dedicati a chi ama la casa e la natura con uno stile semplice che reinterpreta gli oggetti della nostra memoria. Riunita la sua famiglia una sera a tavola, dalla rosa di nomi prescelti per battezzare l’azienda ne esce vittorioso fiorirà un giardino®, pronunciato con una simpatica erre moscia dalla nipotina. Un nome che in tanti anni, cresciuto senza frastuono, ha conquistato il cuore di molti appassionati che ritrovano nei prodotti dell’azienda la propria filosofia di vita.

esterno Buttrio

Villa Ottelio-de Carvalho sede fiorirà un giardino

filari viti Buttrio

Ho passato a Buttrio, a  Villa Ottelio de Carvalho sede di fiorirà un giardino®, un magnifico fine settimana ospite di una splendida padrona di casa con la quale si è da subito instaurata un’empatia ritrovata in chi parla lo stesso linguaggio. Mi ha mostrato orgogliosa il suo piccolo orto delle erbe che raccoglie tesori botanici affiancato alla più classica produzione orticola coltivata dal marito Francesco compagno di avventura non solo nella vita ma anche nell’azienda.

orto giardino fiorirà un giardino

arredi in ferro fiorirà un giardino

Tutto attorno la campagna del Friuli, terra generosa e fertile, filari di vigneti a perdita d’occhio che costellano le dolci colline fanno da sfondo alla proprietá. Un privilegio passeggiare nello show room allestito nelle ex scuderie per ammirare i nuovi articoli pronti per il mercato nazionale ed internazionale, tanti i prodotti dedicati a chi ama il giardino e il vivere all’aperto, come cache pots, targhette per piante,  grembiuloni che ben conosco perchè uno mi era stato regalato da un’amica e gli arredi in ferro, ammirati anche nel giardino della proprietà.

Fiorirà un giardino

Assieme a Gianlidia Tonoli di GiatoSalò e Loretta Marchetti di Lavanda e Rosmarino siamo state invitate quali testimoni di un evento, la presentazione del libro, “Around Florence”, ultima creazione della nota food writer Csaba dalla Zorza, le emozioni sono tante e non potevo racchiuderle in un solo scritto.

interni

accessorio fiorirà un giardino

casa e fiorifiori interno esterno

La mia vocazione ha prevalso in questo primo racconto dove il giardino è il tema che mi lega all’azienda Ho vissuto aria di festa e conosciuto tanti amici speciali di Alessandra e Francesco. Una bellissima compagnia che sostiene, aiuta e arricchisce chiunque abbia il piacere di incontrarla. Un grazie anche a loro unito a uno speciale a fiorirà un giardino® per avermi fatto respirare vera aria del Friuli e fatto meglio conoscere una realtá da sempre ammirata.

DIY: cuore di lavanda profuma biancheria

11 luglio 2014 § 4 commenti

Profumata, rilassante e curativa
per conservare la lavanda uno dei metodi più classici è preparare cuscinetti profuma biancheria.
Anche se poco abili con ago e filo è davvero semplice realizzarli!

cuore di lavanda

I miei sono a forma di cuore impreziositi da un romantico stamping.

stampini

Cosa occorre

tessuto di lino o altra fibra naturale.
sesta in cartoncino a forma di cuore.
corda naturale.
spilli, ago, filo e forbici.
stampini e tampone a inchiostro indelebile.
lavanda ben essiccata.

materiale cuore

Ritagliate e stirate (il ferro da stiro è il miglior amico delle sarte…) un rettangolo di tessuto pari al doppio della sesta a forma di cuore.
Piegate a metà il tessuto e adagiate la sesta ricalcandola con la matita. Fermate il tutto con gli spilli, compresa la corda che dovrà essere inserita al centro del cuore, ricordate di metterla all’interno di ciò che state cucendo.
Lasciate due o tre centimetri di spazio nella cucitura laterale del cuore. Ritagliate il tessuto in eccesso e rigirate il cuscinetto, stirate per bene.
Al centro del cuore stampate il soggetto preferito utilizzando un tampone a inchiostro indelebile.
Riempite con la lavanda e chiudete il cuscinetto con gli ultimi punti di cucitura.

i miei stampini sono di Cavallini & Co

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 821 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: