sostegni per le piante

23 ottobre 2014 § 2 commenti

“Nell’orto medievale
il legno è materiale principe utilizzato per contenere le aiuole, costruire strutture, come recinzioni e capanni per gli attrezzi o per gli animali, manufatti e arredi.protezione salice

struttura salice

Importanti elementi erano i sostegni necessari per favorire la crescita di piante rampicanti e vigorose o per proteggere quelle più delicate.  Le particolari fogge e fatture, testimoniate nelle miniature dei  preziosi manuali Tacuina sanitatis  (XIV secolo), illustrano scene della vita dell’epoca e descrivono le proprietà mediche delle piante e mutano il ruolo di questo tipo di sostegno che diviene così interessante soggetto di arredo, dall’orto il passo verso il giardino ornamentale è breve!”

sostegno piante

da un estratto di un mio articolo di Vivere Country – novembre 2013

foto realizzate presso il Giardino del Borgo Medievale del Valentino a Torino. Altre immagini del giardino le potete vedere qui e qui

Cordoli intrecciati

16 settembre 2014 § Lascia un commento

“Nella realizzazione di un orto
è importante come in quella di un giardino,
definire uno stile e uno schema di progettazione, solitamente per praticità di ripartizione degli spazi e di coltivazione, le aiuole destinate agli ortaggi e alle verdure assumono forme quadrangolari.

cordolo giardino Medievale

Lo spazio diviso geometricamente prende spunto dal modello costruttivo del giardino medievale degli orti monastici o nobiliari che riflettevano messaggi spirituali e significati simbolici improntati alla vita cristiana. Erano contraddistinti dalla presenza di 
aiuole rialzate di forma quadrata o rettangolare separate ortogonalmente da vialetti il cui centro era segnato da un albero, simbolo di vita, oppure dal pozzo o da una fonte simbolo di Cristo. Un ambiente raccolto, caratterizzato da ordinati riquadri di erbe aromatiche, piante alimentari, per uso erboristico o farmacologico, spesso delimitati da cordoli di rami di legno intrecciati.

cordolo nocciolo

Il presente incontra il passato, tanti orti moderni richiamano le impostazioni stilistiche di quell’epoca tanto lontana, ordinati, rigorosi ma anche allegri e molto funzionali. Le aiuole rialzate sono elemento caratterizzante, utilizzate anche nell’agricoltura sinergica, non svolgono solo una funzione estetica, il sistema delimitando il passaggio dell’uomo evita infatti il compattamento del terreno, inoltre coltivazione e raccolta degli ortaggi risultano agevolate e la schiena ringrazia.

cordolo fico

Grandi protagonisti sono i cordoli in legno che contengono le porzioni di terreno e sottolineano gli spazi. I cordoli, possono essere realizzati in pannelli separati amovibili o fissi e costruiti direttamente sull’aiuola. 

Come una tessitura, si intrecciano trama e ordito, dove la trama orizzontale è costituita da rami di essenze più flessibili e l’ordito è realizzato con paletti-tutore leggermente più spessi, di legno duro e resistente alla marcescenza. Nel caso della struttura fissa, dopo aver tracciato il perimetro dell’opera, occorre predisporre di un’etremità appuntita i paletti che andranno conficcati nel terreno a una distanza di 35/40 centimetri per creare una struttura solida sulla quale si procederà all’intreccio della trama fino all’altezza desiderata. Il passare del tempo e l’azione degli agenti atmosferici, rilasciano sulle strutture una patina che valorizza la bellezza del materiale naturale, invecchiando acquistano fascino e si integrano perfettamente con l’ambiente, dopo alcuni anni dovranno tuttavia essere ricostruite. In commercio esistono cordoli già pronti, che spesso sono combinazioni di legno e metallo e garantiscono una maggiore durata.“

estratto da un mio articolo pubblicato su Vivere Country settembre 2013

In edicola il nuovo numero di ottobre con tante novità per la casa, il giardino, il terrazzo e l’orto

Rêves D’argile pour mon fleurs

10 agosto 2014 § 13 commenti

da ragazza non amavo i fiori recisi,
la ragione forse risiedeva nel fatto che il mondo vegetale non era allora al centro della mia attenzione e depredare una pianta dei suoi fiori la vedevo un’azione inutile. Con il tempo e l’esplodere della passione per le piante non ho più potuto fare a meno di circondarmi della loro bellezza. Bouquet e mazzolini di fiori prolungano il piacere di godere della loro compagnia anche in casa e per accoglierli nel tempo ho collezionato una serie di contenitori di misure e materiali differenti, qualcuno di produzione moderna ma prevalentemente provenienti da mercatini dell’antiquariato.

brocca e vasi Reve d'Argile Vasi Reve d'Argile

Quando sul web ho visto le creazioni Rêves D’argile, è stato un vero ‘coupe de foudre’, le sue ceramiche riuniscono il fascino degli oggetti di antica memoria alla modernità di una tecnica che lascia affiorare sul lavoro un po’di argilla non smaltata creando un piacevolissimo contrasto materico tra la porosità della terra nera e lo smalto liscio lucido e bianco.

atelier RA

atelier Reve d'Argile

stampi ceramica

Monique, l’artigiana francese che si cela dietro Rêves D’argile, utilizza terra nera per la sua faïence, molto differente dall’argilla rossa più comunemente usata nella produzione italiana e in particolare quella tradizionale di Albisola, realtà artistica che ben conosco per personale interesse e vicinanza territoriale.

Nel recente Tour en Provence, Brocante et Jardin realizzato con Sarah Tognetti avevo inserito una visita all’atelier Rêves D’argile, sapevo che Monique e le sue creazioni avrebbe regalato grandi emozioni. Dal suo laboratorio allestito in una piccola casetta in giardino escono ogni giorno grandi meraviglie, opere piene di poesia che hanno conquistato tutti.

pitcher for flowers

Qualche brocca e diversi vasetti sono venuti via con me… non ho resistito all’acquisto di qualche pezzo che ha arricchito la mia collezione di oggetti che fanno bene al cuore.

Monique accoglierà nuovamente nel suo atelier e nella sua magnifica casa il prossimo gruppo che parteciperà a Noël en Provence Brocante et Jardin i prossimi 28 – 29 e 30 novembre 2014. Un nuovo Tour per scoprire la Provenza nel periodo più bello e coinvolgente dell’anno. Stiamo preparando un programma ricco di fascino ed emozione!!!!

Alcuni accorgimenti per conservare i fiori in acqua

1 – TAGLIO.

Preparate ogni singolo fiore tagliando di netto e in obliquo con coltello affilato il suo gambo, eliminate tutte le foglie per evitare che in acqua marciscano lasciandone una o due vicino alla corolla. Per i fiori a gambo molle come per dalie o papaveri o che emettono lattice come i rami di falso gelsomino, cauterizzate il taglio con la fiamma di un accendino o un fiammifero.

I fiori che presentano gambi legnosi come quelli delle rose, dei lillà o dei viburni, devono essere schiacciati alla loro estremità con un martello e incisi a croce con la lama di un coltello o con la cesoia.

2 – DISINFETTARE

Per evitare l’insorgenza di marciumi è necessario che l’acqua di immersione dei fiori sia pulita e disinfettata, un aiuto può essere quello di aggiungere un cucchiaio di varechina e un cucchiaino di zucchero o inserire sul fondo del vaso un’aspirina. Anche un pezzo di carbone ha lo stesso effetto depurativo.

3 – CONSERVARE

Per conservare al  meglio i vostri fiori infine si raccomanda di spuntare ogni giorno i gambi più teneri e di cambiare l’acqua affinché sia sempre cristallina.

consigli sulla conservazione dei fiori, da un mio articolo per la pagina web Premiaty di SIGMA.

annotazioni creative #agosto

1 agosto 2014 § 3 commenti

Strano mese questo appena trascorso,
la pioggia è stata la variabile costante, i nostri giardini non hanno mai visto prati così verdi! Mentre piante e fiori ringraziano, l’agricoltura è in ginocchio , frutta e ortaggi non riescono a maturare e iniziano a marcire così come i cereali. Speriamo in un agosto come da tradizione!

Agosto

- Fanno riflettere i pensieri di un agricoltore senza tempo, blog di un amante della campagna che vede nella Naturalità l’unica via, bella scoperta della blogsfera il cui link è stato segnalato da Francesca.

il vegetable

source

- L’orto quest’anno è stato penalizzato dal tempo, una coltivazione in vasconi sul terrazzo essendo magari più facile da controllare può rappresentare una piccola soluzione alternativa. Ho recentemente conosciuto un giovane ingegnere, Giacomo Borta, che ha progettato un interessante sistema modulare per una coltivazione agevole e alla portata di tutti. VegeTable TM, sono vasche realizzate in acciaio verniciate all’acqua e legno massiccio di larice al naturale con Certificazione PEFC per la Chain of Custody. I moduli sono ad altezza bancale e permettono di lavorare una piccola porzione di orto senza chinarti, senza sporcare, in completa consapevolezza e comodità. Sono concepiti per permettere all’acqua in eccesso di fuoriuscire attraverso due appositi ugelli, si può riciclare posizionando sotto VegeTable  un annaffiatoio. Inoltre le gambe in acciaio inox.sono dotate di ruote per un facile spostamento.

porta oggetti Burgon & Ballsource

- Mentre preparo le ultime consegne di lavoro prima della pausa estiva (non la mia purtroppo, quella delle riviste e dei portali web…) sogno di visitare giardini, di avere il tempo di leggere  libri scritti dalle amiche (anche questo) e faccio incursioni di shopping giardinicolo sui portali web.
Ho scoperto che su Amazon.it hanno in vendita alcuni prodotti della Burgon & Ball, azienda inglese che produce articoli di grande qualità e raffinato design, ogni tanto cedo e mi faccio qualche regalino. Vi consiglio una visita al portale, per comodità oltre al link qui sull’articolo, potete accedere anche attraverso il banner sempre presente sulla barra a destra del mio blog.

porta attrezzi

source

- Sempre su Amazon.it ho acquistato proprio ieri un porta attrezzi da muro che avevo salvato tra i preferiti ed era stato messo in saldo, non è bellissimo?

fiorirà un giardino

16 luglio 2014 § 6 commenti

Quando accade che l’amore per le piante e la natura
incontrano il buon gusto e le due cose sono doni di persone creative, puó nascere qualcosa di speciale, se poi una passione si trasforma in lavoro non c’è quasi nulla di più stimolante e appagante.

Alessandra e Francesco

Così é stato per Alessandra Fior con un titolo di agraria nel cassetto ed esperienza nel settore commerciale di prodotti agricoli quando, circa venti anni fa ha deciso di disegnare la sua prima collezione di articoli dedicati a chi ama la casa e la natura con uno stile semplice che reinterpreta gli oggetti della nostra memoria. Riunita la sua famiglia una sera a tavola, dalla rosa di nomi prescelti per battezzare l’azienda ne esce vittorioso fiorirà un giardino®, pronunciato con una simpatica erre moscia dalla nipotina. Un nome che in tanti anni, cresciuto senza frastuono, ha conquistato il cuore di molti appassionati che ritrovano nei prodotti dell’azienda la propria filosofia di vita.

esterno Buttrio

Villa Ottelio-de Carvalho sede fiorirà un giardino

filari viti Buttrio

Ho passato a Buttrio, a  Villa Ottelio de Carvalho sede di fiorirà un giardino®, un magnifico fine settimana ospite di una splendida padrona di casa con la quale si è da subito instaurata un’empatia ritrovata in chi parla lo stesso linguaggio. Mi ha mostrato orgogliosa il suo piccolo orto delle erbe che raccoglie tesori botanici affiancato alla più classica produzione orticola coltivata dal marito Francesco compagno di avventura non solo nella vita ma anche nell’azienda.

orto giardino fiorirà un giardino

arredi in ferro fiorirà un giardino

Tutto attorno la campagna del Friuli, terra generosa e fertile, filari di vigneti a perdita d’occhio che costellano le dolci colline fanno da sfondo alla proprietá. Un privilegio passeggiare nello show room allestito nelle ex scuderie per ammirare i nuovi articoli pronti per il mercato nazionale ed internazionale, tanti i prodotti dedicati a chi ama il giardino e il vivere all’aperto, come cache pots, targhette per piante,  grembiuloni che ben conosco perchè uno mi era stato regalato da un’amica e gli arredi in ferro, ammirati anche nel giardino della proprietà.

Fiorirà un giardino

Assieme a Gianlidia Tonoli di GiatoSalò e Loretta Marchetti di Lavanda e Rosmarino siamo state invitate quali testimoni di un evento, la presentazione del libro, “Around Florence”, ultima creazione della nota food writer Csaba dalla Zorza, le emozioni sono tante e non potevo racchiuderle in un solo scritto.

interni

accessorio fiorirà un giardino

casa e fiorifiori interno esterno

La mia vocazione ha prevalso in questo primo racconto dove il giardino è il tema che mi lega all’azienda Ho vissuto aria di festa e conosciuto tanti amici speciali di Alessandra e Francesco. Una bellissima compagnia che sostiene, aiuta e arricchisce chiunque abbia il piacere di incontrarla. Un grazie anche a loro unito a uno speciale a fiorirà un giardino® per avermi fatto respirare vera aria del Friuli e fatto meglio conoscere una realtá da sempre ammirata.

Jardin de La Louve en Provence

18 giugno 2014 § 22 commenti

Il caratteristico borgo di Bonnieux
custodisce uno dei giardini privati più interessanti della Provenza. Le jardin de La Louve è stato concepito da Mme Nicole De Vésian, stilista specializzata nel settore tessile per la maison Hermes, con l’acquisto della proprietà nel 1986.

ingresso jardin La Louveingresso al giardino attraverso la porta di casa

maison jardin La Louvesulla facciata Rosa Mermaid

All’età di 70 anni Mme De Vésian decide di andare in pensione e creare a La Louve il suo buen ritiro incantata dalla vista del paesaggio di cui gode la casa. Senza conoscenze di giardinaggio si affida al suo grande senso estetico e nei 1700 metri quadri di terreno suddiviso in tre terrazzamenti, mescola con grande capacità colori e texture vegetali. La proprietaria desiderava un giardino che fosse immutabile nelle stagioni e si integrasse al paesaggio circostante senza interruzione visiva, lavora quindi con i volumi dei sempreverdi e sceglie essenze che fanno parte della vegetazione del Luberon quali bosso, lonicera, viburno, cipressi, euphorbia o rosmarini e procede senza un disegno preciso ma seguendo la visione del suo cuore. Pochissime le fioriture presenti, solo alcune vivaci come lavanda, valeriana, lillà e poi le rose.

scorci jardin La Louve

Nel giardino è determinante l’impronta dell’uomo sulla natura che si esercita con la particolare potatura geometrica delle piante disposte in composizione molto serrata. Forte è la presenza della pietra che è parte integrante del paesaggio, anch’essa testimonia il lavoro dell’uomo con gli antichi reperti ricercati presso i brocante e donati dai tanti amici, come il bel lavabo e i tanti mastelli o le sfere sparse casualmente tra la macchia vegetale.fontana in pietra jardin La Louve

pietre jardin La Louve

pietre e sempervivum  jardin La Louve

I sassi della Durance si mescolano agli arbusti del Luberon in una miscellanea di grande suggestione che sarà poi spunto per tanti giardini a venire.

lavanda jardin La Louve

cipressi jardin La Louve

Curiosa è l’idea di potare la punta dei cipressi, nata da un’esigenza pratica, il piccolo budget a disposizione di Mme De Vèsian fu integrato da donazioni di piante da parte di vivaisti che con il tempo erano diventati amici, alcuni cipressi dalla punta bruciata arrivarono a La Louve e furono prontamente potati divenendo un prototipo preso a esempio da molti giardinieri e paesaggisti.

terrazzino jardin La Louve

piscina jardin La Louverecente inserimento di zolle di Zoysia tenuifolia, macroterma molto resistente alle escursioni termiche tipiche della zona.

Al compimento degli 80 anni, per la fatica della sua gestione, la proprietà viene venduta  a Judith Pillsbury un’antiquario inglese appassionato di giardini che ha saputo conservare lo spirito del luogo ed ha introdotto alcune fioriture.

Nel dicembre 2007 le Jardin del La Louve è stato insignito del prestigioso riconoscimento francese “jardin Remarquable”.

 

Jardin de La Louve

Chemin Saint Gervais, 84480  BONNIEUX
Département 84 – Vaucluse

info:judithpillsbury@gmail.com

Aperto su appuntamento una volta al mese in piena stagione unicamente per gruppi di almeno 10 persone (chiuso in luglio e agosto) 

 

 

Tour en Provence, Brocant et Jardins

11 giugno 2014 § 19 commenti

Mancano pochi giorni
alla partenza per il Tour in Provenza Brocante et Jardins del 13 – 14 e 15 giugno 2014 ideato e organizzato assieme a Sarah.

Tour en Provence
Abbiamo unito le nostre passioni e con voi deciso di condividere l’esperienza di un viaggio dove ritrovare tutti gli estremi che più ci piacciono, mercatini dell’antiquariato e giardini!

jardin la Louve

La Louvesource

Inizia bene il nostro viaggio provenzale, prima tappa è il bellissimo giardino de La Louve, che nel dicembre 2007 è stato insignito del prestigioso riconoscimento francese “jardin Remarquable”. Un giardino che ospita numerose essenze mediterranee e si sviluppa su più terrazzamenti. Gli elementi vegetali si mescolano a quelli minerali con un’armonia di forme che solo un’artista come Nicole Vésian, stilista storica specializzata nel settore tessile della maison Hermès, poteva creare. Bossi e rosmarini topiati, palle in pietra e ciottoli di fiume dalla Durance convivono per fondersi al paesaggio della campagna circostante.

bonnieux1

Poco distante, non poteva mancare una sosta per il pranzo a Bonnieux, il bellissimo borgo sviluppato su livelli e nascosto da una parete di roccia. Le sue vecchie chiese, le possenti mura e le viuzze caratteristiche sono state teatro delle riprese di Un’ottima annata del regista Ridley Scott con Russell Crowe.

museo Marius Fabre source

Prima di dirigerci verso Salon en Provence dove nel pomeriggio ci aspetta la visita all’antico Saponificio Marius Fa­bre, sosteremo a Laurmarin, uno dei più bei villaggi della Provenza famoso anche per i suoi tre campanili e perchè luogo d’elezione di molti artisti.


aixenprovence source

La giornata si concluderà tra le vie di Aix en Provence, cittadina che dista pochi chilometri dal nostro albergo, passeggeremo nel centralissimo Cours Mirabeau, elegante boulevard con i suoi olmi giganteschi, gli antichi caffè, le belle fontane e i raffinati palazzi nobiliari e sceglieremo, tra i numerosi locali caratteristici, dove cenare. (segnaliamo tra i negozi ” Au nome de la rose” il paradiso per chi ama le rose e la pasticceria Bechard!)

Rve d'argile

Sabato mattina si comincia presto, ci dirigeremo ad Auriol per la visita all’atelier Rêves d’argile dove ci attende Monique, una talentuosa ceramista conosciuta tramite il web. Nella corte del suo giardino due brocante allestiranno un mercatino tutto per noi!

sorguesource

Concluderemo la mattinata a Isle sur la Sorgue, delizia per gli occhi e per il cuore di tanti appassionati di Brocante! Pranzo libero e partenza per una delle mete classiche del sentiero della lavanda, e sì.. perchè le date del nostro viaggio corrispondono proprio con l’inizio del periodo della fioritura di quello che i francesi chiamano oro blu!

Lavender Field_ Abbey of Senanque_ Near Gordes_ Provence_ Francesource

 

gordes-panorama

Direzione Abbazia di Senanque, spesso ammirata nelle cartoline e nelle foto che fanno il giro del mondo a testimonianza della famosa fioritura. Poco lontano, Gordes, altro meraviglioso borgo arroccato che offre uno spettacolo unico riflettendo i colori della luce sulle rocce delle case di cui sono costruite.

arb03425x319

source

Domenica mattina partenza in direzione di Grimaud dove ci aspettano oltre 200 espositori a Le Jas de Roberts. Con il pullman carico di acquisti,  sulla strada del rientro, ci fermeremo e concluderemo il nostro viaggio al Jardin de Pomme d’Ambre, un giardino mediterraneo dove arredi Shabby e angoli romantici creano un’atmosfera di grande charme.

Hotel Mercure

… dimenticavo, questo è il nostro albergo! In puro stile provenzale. Si accettano suggerimenti per localini dove poter mangiare conciliando buona cucina e costo contenuto!

e un’importante raccomandazione… VIAGGIATE  LEGGERI!!! Dobbiamo riservare spazio ai nostri acquisti, ricordate per un paio di scarpe in più, una scodella in meno!!!!

 

Dove sono?

Stai esplorando gli archivi per la categoria arredo giardino su aboutgarden.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 870 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: