Aceto aromatico

1 dicembre 2016 § Lascia un commento

In passato  gli aceti aromatici erano usati come disinfettanti domestici, se ne faceva largo utilizzo durante le epidemie frizionandoli sulle tempie e sulle membra del malato e spruzzandoli sui muri e sui mobili per rendere l’aria della casa più gradevole. Potrebbe essere un gradito dono hand made.

aceto-balsamico

Per preparare un aceto profumato basterà mettete a macerare in mezzo litro d’alcool, 40 grammi di sommità secche di assenzio, pari peso di rosmarino, di salvia, menta piperita e ruta e aggiungere 5 grammi di scorza di cannella, altrettanti di chiodi di garofano e di noce moscata. Trascorse due settimane aggiungete due litri di aceto di vino rosso e filtrate.

Vivere Country dicembre 2015

Come far aprire le pigne 

27 novembre 2016 § Lascia un commento

Un piccolo segreto
per gli amici ritardatari che hanno dimenticato di raccogliere le pigne a fine estate (periodo nel quale sono perfettamente mature e cadono naturalmente dagli alberi) .

Con la pioggia e l’umidità autunnale nel bosco le troverete chiuse, mettetele in una teglia nel forno a bassa temperatura per circa 10 minuti.

Si apriranno sprigionando al contempo in tutta la casa, un ottimo profumo di resina!

Se volete realizzare un ghirlanda di pigne, vi invito a leggere le istruzioni sull’inserto decorazione di Casa Facile, tutto da scoprire in edicola!

Vasi per le piante che soffrono l’umido

23 novembre 2016 § Lascia un commento

Coltivate tutte le piante che soffrono di ritenzione idrica
in vasi in terracotta, la struttura traspirante della materia aiuta infatti l’evaporazione dell’acqua in eccesso favorendo una crescita sana.

terracotta

vasi-terracotta

Per eliminare le tracce di calcare lasciate nel tempo dall’acqua sulla superficie del vaso, non occorrono particolari prodotti chimici ma basta un po’ di olio di gomito, erogate l’acqua alla massima pressione e sfregate le zone più danneggiate con una spazzola di saggina ripetendo l’operazione fino alla soluzione del problema. In generale migliorando il drenaggio del terriccio all’interno del vaso, diminuisce anche la formazione di calcare.

da Vivere Country novembre 2015

pot – pourri tutto magnolia

16 novembre 2016 § Lascia un commento

“Mi ha sempre incuriosita
la Magnolia grandiflora: questa pianta dal portamento elegante e un po’ rigoroso, dagli ampi fiori solenni e vibranti di profumo, produce semi di una tonalità stravagante, di un acceso rosso carminio. Ricordano i confetti di laurea, ma, attenzione, non vanno ingeriti, perché sembra che in grandi quantità siano velenosi (in Giappone però li userebbero per aromatizzare il tè). Se schiacciati, emettono un odore pungente ma non del tutto spiacevole.

particolare-magnolia-seed

I semi di magnolia sono delle decorazioni perfette per un inusuale pot-pourri: basta cercare sotto un albero di magnolia ben sviluppato, e si troverà tutto il necessario. Io ho cominciato a “corteggiarne” un esemplare in un parco cittadino già a fine agosto, e sotto l’ombra della sua chioma ho raccolto, da terra: infruttescenze cadute precocemente (io le chiamo affettuosamente “pignette di magnolia”), semi caduti dai frutti (pronti, nel nord Italia, all’incirca da fine settembre), una bella fogliolona concava e ancora verde. Affascinanti anche i frutti (acheni): una volta maturi, si aprono e lasciano cadere i pacchianissimi semi.

semi-magnolia

semi-magnolia

Il profumo del pot-pourri (ovviamente, si consiglia l’essenza di magnolia) andrà distribuito solo sulle pignette. Fatele asciugare qualche giorno all’aria aperta, poi tenetele chiuse in un vasetto di vetro con qualche goccia di profumo per una settimana, in un armadio o all’ombra. I semi raccolti invece vanno tenuti in un barattolo aperto due-tre giorni, e maneggiati delicatamente perché non si segnino di scuro. Lavatevi sempre le mani dopo averli toccati, o mettete dei guanti.

pot-pourri-magnolia

Nell’incavo della foglia, distribuite le pignette profumate e i semi. Per decoro, io ho legato al picciolo della foglia un nastro di tessuto naturale, bianco-crema come i fiori di magnolia.”

testo e fotografie di Marta Moletta per aboutgarden

Diy: ghirlanda autunnale

4 novembre 2016 § 2 commenti

Ecco una ghirlanda
che si veste  con i colori più accesi dell’autunno, un  Total Orange dove le bacche di piracanta e le gerbere sono le protagoniste assolute. Mentre le gerbere le potete acquistare dal fiorista, l’unico modo di procurarsi la piracanta è quello di coltivarla in giardino o sul terrazzo, è un sempreverde che cresce velocemente e regala in questa stagione un’esplosione di colore, se amate la tonalità arancio, sceglietela nella varietà  Pyracantha ‘Orange Glow’. Per chi invece non ha la possibilità di coltivarla o procurarsela tramite amici, fate come me, ho atteso la potatura degli arbusti comunali, è infatti una pianta spesso utilizzata nei contesti verdi urbani.

ghirlanda-base

Cosa occorre:

– Rami carichi di bacche di Pyracantha ‘Orange Glow’
– Base di Clematis vitalba (come preparata qui)
– Fil di ferro da fiorista

Sulla solita base di Clematis vitalba intrecciata, legate il capo della spoletta di fil di ferro alla base della ghirlanda e fissate man mano i rametti di piracanta alternandoli alle gerbere che avrete precedentemente gambato.

 
Ghirlanda autunnale.jpg

Alcuni fiori hanno gambi teneri che durante la lavorazione potrebbero staccarsi dal calice. Ecco un piccolo video dove vi svelo la tecnica per irrobustire i gambi dei fiori !

paticolare-gambatura-fiore

Quando realizzate una composizione che non prevede uso di oasis, per far durare più a lungo i fiori, prima di fasciare i gambi nella guttaperca avvolgeteli con un pezzetto di cotone idrofilo bagnato e sigillate con un po’di carta stagnola.

annotazioni creative #novembre2016

2 novembre 2016 § Lascia un commento

Questo lungo anno sta scivolando via…
e siamo già a novembre un mese che accompagna il ricordo di chi non è più con noi ma avrà sempre un posto speciale nel nostro cuore.
Impariamo a scorgere il bello in ogni piccola cosa, a giocare più spesso con i fiori e con i colori, a regalarci il tempo per creare ghirlande o altre composizioni floreali.

 

ghirlanda-novembre

Riempiono gli occhi di tanta bellezza!!!

In giardino tagliate per l’ultima volta l’erba del prato, potate le siepi ed eliminate la parte aerea ormai secca di tutte le piante erbacee. E se ancora avete qualche bulbo da piantare, affrettatevi prima dell’arrivo dei primi freddi.

Il calendario degli eventi non è così ricco come durante la bella stagione ma sono comunque molti gli appuntamenti in programma. Eccone alcuni che voglio segnalarvi:

 Domenica 6 novembre

Sempre al vivaio I Giardini e le Fronde, “Piantiamo le ortensie” per scoprire i segreti della messa a dimora delle diverse specie in piena terra.
Ore 10:00 : Ogni giardino ha la sua Hydrangea, l’Ortensiologa e scrittrice Eva Boasso ci spiegherà quali scegliere in base al tipo di giardino
Ore 11:30: Dimostrazione pratica di messa a dimora con Stefano e Lucia, i proprietari del vivaio.

– Ancora domenica 6, speciale giornata al Vivaio Billo Federico, specializzato nella produzione di garofani per l’incontro con Camilla Zanarotti e la presentazione del suo libro ” I giardini delle Ville Venete”

particolare-ghirlanda-novembre

Sabato 19 novembre

Presso il vivaio I Giardini e le Fronde, presentazione del libro “Più orto che giardino”. Incontro con la scrittrice e Garden blogger Simonetta Chiarugi, per parlare dei lavori d’autunno nell’orto e nel frutteto. Tanti sono i consigli nel libro scritto a 4 mani con Camilla Zanarotti, non solo, sulla coltivazione di fiori ed ortaggi, ma anche suggerimenti per il loro impiego in cucina.

Qui se volete leggere qualcosa di più sul vivaio…

23 novembre

Alle ore 16,30 Camilla Zanarotti ed io saremo ospiti nella serra del bellissimo Garden Center F.lli Sgaravatti di Torino per presentare ” Più orto che giardino” con grande gioia e onore saremo accompagnate nell’incontro da Margherita Oggero!

24 novembre

Alle ore 18,30 alla Libreria della Natura a Milano,  presentazione del libro “Più orto che giardino”. L’incontro con le due autrici ,  Simonetta Chiarugi e Camilla Zanarotti sarà moderato ed accompagnato da Margherita Lombardi, agronoma e scrittrice di Gardenia e fodatrice di Italian Botanica Heritage.

orto-film-e-complicato

In queste sere autunnali, se ancora non lo avete visto, vi consiglio di assaporarvi il film “E’ complicato”,  con la bravissima , non vi racconto la trama ma vi invito ad ammirare il favoloso orto della protagonista!!!! ( per non parlare della cucina… ma questo non è il blog adatto)

taglio-bottiglie-vetro-1

Se poi vi avanza tempo per il bricolage, questo attrezzo è nella lista dei miei desideri, chissà che non possa interessare anche a voi, si possono creare innumerevoli oggetti utili per la casa e per il giardinaggio!

Un, due, tre zucca!

28 ottobre 2016 § Lascia un commento

Con l’arrivo dell’autunno la zucca,
ritorna l’ortaggio protagonista della tavola e di tante decorazioni per la casa.

Seguite i consigli delle 2 Ladies in giardino che per questa e le prossime puntate hanno invitato un’ospite speciale, l’esperto coltivatore e youtuber Giampiero Gauna che svela segreti e astuzie per far crescere meglio le vostre piante e verdure.

 

Se volete decorare con fiori  e frutta di stagione la zucca,

foto-zucca-per-il-giardino-di-veca

vi invito ne Il giardino di Veca per scoprire passo passo come fare!

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: