la mia ricetta per un buon compost

25 novembre 2011 § 13 commenti

Chi comincia,
un po’ per coscienza un po’ per necessità ed obbligo, la buona azione del compostaggio domestico, viene assorbito dal fascino della trasformazione naturale e spesso diventa fervente discepolo di tale pratica.

Come per una qualsiasi preparazione culinaria, anche per ottenere un buon compost dobbiamo selezionare e miscelare accuratamente tutti gli ingredienti necessari… ognuno ha la sua ricetta, in questo post svelerò la mia!

Se si ha la fortuna di avere un giardino dove collocare una compostiera la soddisfazione di veder trasformati gli scarti domestici e del giardino in ottimo compost è davvero tanta. Se ben operiamo in circa 6 – 9 mesi avremo pronto ammendante per orto, vasi e giardino a costo zero.

Nel mio bosco-giardino è ben mimetizzata una compostiera che mi era stata offerta dal Comune di Savona in accomodato d’uso. Informatevi presso gli uffici preposti dei vostri Comuni di appartenenza. La compostiera accelera il processo di decomposizione ma non è necessario possederla, è anche possibile destinare a compost (a cumulo), una zona di orto o giardino all’ombra di un albero, in modo che d’estate sia ombreggiata e d’inverno prenda il poco sole disponibile.

Il primo strato del cumulo a contatto del suolo, sarà formato da rami secchi per  garantire una buona aerazione ed il drenaggio sufficiente anche nella parte bassa.

L’autunno è la stagione ideale per preparare il compost, le temperature non troppo basse ne calde favoriscono la trasformazione degli ingredienti.Inoltre abbiamo a disposizione abbondante fogliame che aggiungeremo a strati ed in differenti varietà. Da preferirsi foglie che si disfano più velocemente. Carpino, Faggio (apportano al compost soprattutto calcio) Olmo, Betulla, Pioppo, Quercia e Noce (danno luogo ad un terriccio più acido). Ha più lenta marcescenza il castagno. 

Alle foglie che considereremo le parti secche (sostanze contenenti AZOTO), dobbiamo aggiungere elementi umidi come gli scarti vegetali della cucina o dell’orto o gli sfalci d’erba.(sostanze contenenti CARBONIO)

Per accelerare la decomposizione di tutti gli ingredienti è consigliabile sminuzzarli in piccole parti. Chi ha la fortuna di possedere un biotrituratore o un cippatore (nella lista dei miei desideri…) avrà un valido aiuto meccanico che permetterà anche l’uso di qualche ramaglia.

Per ottenere un buon compost dobbiamo utilizzare un rapporto bilanciato di Carbonio/Azoto, si può seguire la regola empirica di mescolare due parti di avanzi freschi-CARBONIO con una parte di avanzi secchi-AZOTO. La miscela degli ingredienti deve essere mantenuta costantemente umida per assicurare il benessere di muffe, funghi e batteri.

E’ possibile correggere gli errori aggiungendo ad esempio carta sminuzzata (quella dei quotidiani o i cartoni da imballaggio vanno benissimo) o foglie secche se il nostro compost dovesse essere troppo umido o al contrario bagnarlo con un po’ di acqua se avesse la tendenza ad essere troppo secco!

Esistono poi degli enzimi che aiutano la decomposizione ma io non li uso, aggiungere eventualmente calce, terra o bentonite (anche la lettiera pulita dei cani o gatti) .

Ogni tanto una spolverata di cornunghia e di buona terra aiutano gli enzimi nella trasformazione del cumulo.

Sono fortunata ad avere stufa e camino che mi forniscono dell’ottima cenere ricca di POTASSIO. Per la dose di CALCIO invece mi affido ai gusci delle uova che aiuto a decomporsi passandoli al tritatutto.

Qui le note dolenti…direi che forse tutta la pratica se eseguita meticolosamente potrebbe sfiorare la paranoia (soprattutto all’occhio di taluni membri famigliari…più volte i miei figli mi hanno detto che se fossi vissuta ai tempi dell’inquisizione mi avrebbero certamente bruciata al rogo come le streghe!!!)

E’ così tanta la soddisfazione di veder trasformati degli scarti in ottimo compost… che mai più vero è il detto: il fine giustifica i mezzi !

Annunci

Tag:

§ 13 risposte a la mia ricetta per un buon compost

  • Barbara ha detto:

    Ciao Simonetta!
    Il tuo bosco giardino sarà sicuramente abitato da elfi e fate! (…e di streghe!).
    Un abbraccio,
    Barbara

  • letrecivette ha detto:

    mi immagino la scenetta di te tutta precisa e attenta e i tuoi figli in sottofondo..! grazie per i tuoi preziosissimi consigli !
    felice fine settimana Monica

  • Loretta ha detto:

    Ciao Simonetta, grazie per il promemoria.
    Io ho già due compostiere ma non sono attenta come te
    nell’equilibrare i vari componenti.
    Buon fine settimana.

  • erborista1 ha detto:

    Ciao Simonetta,tante informazioni utili.Una volta avevo fatto un compost,utilizzando la alghe marine(lavate per eliminare il sale).é venuta una cosa eccezionale.Io il biotrituratore l’ho comprato al lidl,costa poco(mi sembra 140,00 EURO) e va bene.Oltretutto,siccome è a rullo,ti fa risparmiare un sacco di tempo,perchè si trascina i rami.Buona giornata

  • Fantastico!! Ho comprato da poco il contenitore e lo uso e i tuoi consigli mi saranno utilissimi. Un abbraccio. tinu

  • Silvia ha detto:

    Perché non ho un giardino altrimenti seguirei la tua ricetta…. Sono certa che troveri la cosa anche molto divertente!
    Buon fine settimana!
    Silvia

  • Elena ha detto:

    … stampo subito e procedo. Mitica Simonetta.

  • Eva ha detto:

    Io di certo (e te lo posso garantire) non farò mai un compost nella mia vita, ma tu invece devi scrivere, scrivere, scrivere oltre che deliziarci con le tue conoscenze… perchè hai davvero una bella penna! Baci!

    • aboutgarden ha detto:

      detto da te Eva è davvero un gran bel complimento…il mio intento è solo quello di divulgare le mie piccole conoscenze cercando di farlo nel modo più coretto e pulito!
      grazie

  • simonetta andrighetti ha detto:

    eh si… anche io lo sto facendo da alcuni anni (compostiera acquistata dal Comune..anche se un po piccolina) ma non lo trovo molto divertente .. soprattutto d’inverno… quando arrivarci è a dir poco problematico!!! e si il terriccio è veramente ottimo!!! quando si ingolfa un po, causa troppo materiale…. ci butto due palettate di letame….tempo una giornata e.. gnam si abbassa subito… grazie per i tuoi suggerimenti io i gusci non li ho mai macinati.. si impara sempre qualcosa bacioni simo a

  • shabby soul ha detto:

    Grazie Simonetta, per le indicazioni e soprattutto per l’attenzione che dimostri (condivisa in pieno!) e susciti per quel che ci circonda.
    Un abbraccio e a presto!
    Silvia

  • Tiziana ha detto:

    Anch’io ho da anni la compostiera fornita in comodato d’uso dal comune e la utilizzo tutti gli anni.
    Solitamente metto gli sfalci del prato e scarti alimentari e del frutteto per accelerare il processo di decomposizione ( soprattutto le mele ).
    utilizzo poi in autunno la terra che produce per fare le semine o i trapianti, ma attenzione! Va setacciata per non trovare la brutta sorpresa di avere in giro per il giardino quegli odiosissimi Oziorrinco che ti assaltano le rose e perdi le prime fioriture……esperienza personale! 😉

    Grazie Simonetta per i sempre preziosi consigli è molto utile condividere le esperienze e tu sei una maestra per noi che dobbiamo ancora imparare tanto! Un abbraccio! ^^

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo la mia ricetta per un buon compost su aboutgarden.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: