ritorno da Murabilia

11 settembre 2012 § 8 commenti

Tralasciando facili e scontate critiche
che da un po’ di tempo aleggiano all’interno e nei riguardi del sistema organizzativo delle mostre di giardinaggio (e qui dovremo ammettere qualche  mea culpa ed affrontare al più presto un lungo ed obbligato percorso di “redenzione”), sono tornata da Murabilia molto più ricca…

Ho assistito ad una magnifica lezione di storia del giardino a corollario della presentazione del libro di Guido Giubbini.  Storie di giardini. Vol. 1: Antichità e Islam. Il giardino europeo dal Cinquecento al Settecento,  primo di due volumi in cui sono raccolti in ordine storico cronologico gli scritti dell’autore fino ad ora pubblicati nella rivista Rosanova e prima ancora Rosae, Un’opera, forse unico testo italiano, indispensabile per gli appassionati di giardini, di architettura e di arte. Con taglio molto personale e di piacevolissima lettura affronta l’evoluzione del giardino, ne evidenzia un più alto valore simbolico posto in rapporto ad architettura e paesaggio. Presto nella mia libreria!

Mi sono fermata ad ascoltare Gaetano Tamo, di Tamo Flor che mi ha raccontato gli innumerevoli pregi del particolare agrume con il quale  si è aggiudicato il primo premio della categoria.

Citrus hystrix, combava,  nativo dell’Indonesia, è un albero talvolta coperto di spine che non diventa molto alto, moderatamente resistente al gelo, è facilmente riconoscibile per la particolare foglia divisa in due parti e il piccolo frutto dalla buccia fortemente increspata. Il frutto non è commestibile, molto ricco di oli essenziali si usa strofinandolo direttamente sulla pelle per allontanare gli insetti,  o in cucina se ne utilizza la buccia tagliata finemente su piatti di pesce o per aromatizzare salse e condimenti, così come la foglia che si usa fresca o essiccata in molte pietanze e ricette. La scorza contiene terpeni, limonene e soprattutto citronelolo e possiede uno spiccato profumo di rosa. Il suo estratto oleoso è perciò usato in profumeria.

Saxifraga stolonifera ‘Kinki purple’

Mi sono fermata ad ammirare le particolari piante da ombra e da coprisuolo da Crug Farm, le varietà di mimosa di Cavatore e le piante frutto di lunghi studi e ricerche di Dino Pellizzaro.

Hosta Cranberry wine

Attirata dalle tante varietà di Hosta

Ho visto salvie mai conosciute da Clémence Chupin del vivaio di Ciancavaré e sono sempre più attratta dalle graminacee e dalle piante a bassa esigenza idrica proposte da Didier Berruyer del Giardino vivace, Filippo Alossa del vivaio Millefoglie e Maurizio Casale di Phytotrend aggiudicatisi tutti quanti menzioni speciali dalla giuria.

borsine in rete di Valeria Il posto delle margherite

Innumerevoli, troppi.., i banchi di genere vario tra questi sempre e comunque interessanti le proposte di arredo.

Ho incontrato nuove amiche e vecchie conoscenze e dalle due giornate sono tornata stanca ma con tanti nuovi stimoli ed idee.

Annunci

Tag:, , ,

§ 8 risposte a ritorno da Murabilia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo ritorno da Murabilia su aboutgarden.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: