affinità vegetali

22 maggio 2018 § Lascia un commento

“Oggi amo tutte le piante, siano esse piccoli licheni che donano un aspetto stregato ai boschi umidi, o mostruose Cactacee crestate da clima semidesertico. C’è stato però un periodo nella mia vita in cui ho sentito un’affinità vegetale elettiva, ma non voglio anticipare nulla per non influenzare i lettori in cerca della propria affinità vegetale.Per comprendere meglio quale pianta potrebbe risuonare maggiormente con la propria personalità vi consiglio un esercizio che ho ideato per voi. Niente di scientifico ma un semplice divertissement, che potrebbe però far riflettere più profondamente sulla relazione di ognuno con le piante e con l’ambiente che ci circonda.

Tra i seguenti ambienti naturali (presenti in Italia) quale vi fa sentire di più a casa? Con quale vi sentiamo di più a vostro agio?

lago

1) Le acque del lago o dello stagno

Coloro a cui piacciono questi ambienti umidi, colonizzati da una densa e curiosa vegetazione, si possono sicuramente definire amanti dell’acqua.

C’è una pianta in particolare, che affonda le sue radici nelle profondità delle acque stagnanti: la Ninfea bianca (Nymphaea alba). La Nymphaea alba è una pianta fortemente simbolica poiché nasce dai fondali fangosi e sviluppa un fiore candido e puro che ricorda la storia del Fiore di Loto nel Buddismo. Il comportamento di questa pianta ricorda quello di persone dotate di una grande capacità di rinnovamento, di rinascita; che sanno ricominciare con grande umiltà, facendo tesoro degli errori commessi; che senza aver paura di sporcarsi le mani affrontano il lavoro, la vita e le difficoltà che si presentano, decidendo di creare valore lì dove si trovano, cercando di far emergere il meglio di sé.

Bosco

2) Gli ombrosi sentieri dei boschi

Coloro a cui piace passeggiare sotto le chiome ombrose degli alberi (sia essa una pineta o un bosco di caducifoglie) possono essere annoverati tra le persone amanti dell’ombra.

La pianta emblematica di questi ambienti è la Campanula latifolia, una specie dai fiori indaco, molto grandi. Incontrare accidentalmente questa erbacea perenne durante una passeggiata nei boschi è emozionante, soprattutto se ci si imbatte in una colonia. Riporta immediatamente con la fantasia a un mondo di sottobosco ricco di vita, fatato. Il portamento del fusto è baldanzoso, eretto, talvolta leggermente ricurvo sotto il peso delle infiorescenze estive. Fa pensare a quelle persone energiche, che si esprimono con semplicità e generosità, particolarmente a loro agio nel proprio ambiente, belle così come sono, a tratti appariscenti, affascinanti nella loro innocenza.

3) Le dune di sabbia davanti al mare

Chi ama quest’ambiente sabbioso, davanti al mare, può certamente essere definito amante del sole.

Sulle nostre coste, sottoposte a forte pressione antropica, radica una pianta coriacea e spinosa che possiede una struttura affascinante, verde-argentea, dalle caratteristiche molto “architettoniche”: l’Eryngium maritimum. Questa piccola erbacea ha un ruolo fondamentale per il mantenimento delle zone litoranee caratterizzate da dune sabbiose. Lo strato ceroso che copre le sue foglie la protegge dall’insolazione e dalla salsedine (quasi come una crema solare). Le sue radici profonde riescono a trovare l’acqua dove sembrerebbe non esserci e, sviluppandosi, riescono a frenare lo spostamento della sabbia stabilizzando le dune mobili. Una pianta così virtuosa in un ecosistema così fragile riporta alla mente il comportamento umano di chi lavora duramente per un ideale o per un obiettivo valoriale, favorendo se stesso e al contempo l’ambiente; chi riesce a sviluppare strategie fantasiose per vivere, anche nel caso si trovasse in un ambito ostile; chi è tenace, forte, ingegnoso, caparbio, dedito alla propria missione.

Prato fiorito

4) I pascoli montani ricchi di fiori

Sono gli amanti della montagna tutti quelli che si sentono bene attraversando le praterie d’alta quota, le ricchissime fioriture endemiche e rare, i silenzi e i grandi spazi disabitati, in cima al mondo.

Come pianta totem di quest’ambiente ho pensato a una specie ormai preceduta dalla sua stessa fama: la Stella alpina o Edelweiss (Leontopodium alpinum). Piccola pianta simbolo degli alpinisti, è una specie rara e protetta e non va assolutamente raccolta. Cresce in alta montagna sopra i 1500 metri. Il suo fiore è caratteristico perché circondato da foglie bratteali bianco-lanose. La singolarità di questa pianta fa pensare a quelle persone che stanno bene da sole, che per scelta vivono isolate, in profondo contatto interiore con la propria natura ma non per questo incapaci di relazionarsi e portare bellezza nella vita altrui. All’apparenza originali, hanno la capacità di stupire semplicemente presentandosi così come sono.

Spero che il gioco vi sia piaciuto. Voglio svelarvi anche qual è il mio ambiente d’elezione e con quale pianta ho trovato più affinità quando mi sono avvicinato al mondo vegetale: si tratta dell’Eryngium maritimum e, più in generale, della vegetazione della fascia costiera. Sono sempre stato un grandissimo amante del sole, delle coste mediterranee. Proprio da queste piccole piante osservate sulla sabbia, è nata la mia grande passione.

E voi in quale affinità vegetale vi siete ritrovati?”

di Paolo Astrua  Filosofia Vegetale

Annunci

Tag:, ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo affinità vegetali su aboutgarden.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: