Pic Nic d’autunno

17 settembre 2016 § 5 commenti

In questi giorni
le temperature si sono un po’ abbassate, so che molti non si troveranno d’accordo con me, ma io adoro l’autunno!

pic-nic-autunnale

L’aria frizzante ma non ancora fredda, i colori con cui si veste la natura,  riscoprire il piacere di avvolgersi nelle coperte di lana e perché no, approfittare delle belle giornate per fare un pic nic sul prato, basta un plaid (in tessuto tartan scozzese possibilmente) qualche cesto di vimini, piatti e bicchieri e tanta spensieratezza!

pic-nic

Avevo voglia di aggiungere qualche accessorio al mio set da pic nic,  da una ricerca sul web ho trovato su Dalani alcune proposte davvero interessanti ed ho già fatto un piccolo ordine. Condivido con voi la selezioni di oggetti che più mi sono piaciuti, non credo sia necessario presentarvi Dalani, è uno store online dove è possibile trovare ogni giorno nuove offerte  con i migliori brand e tante idee per rendere più bella la casa!

Ecco la mia selezione:

it-ar303wwbt0x7it-1-newproduct

adoro questo cesto in vimini, da utilizzare magari  anche come tavolino!

it-ba533wwbt0y7it-1-newproduct

per non parlare dello scaldavivande in ghisa.

it-ga987wwbt0zxit-1-newproduct

oppure il set di barattoli con coperchio colorato per trasportare il cibo.

it-ga987wwbt0zqit-1-newproduct

e quasi quasi  ne approfitto per cambiare il servizio di piatti…

it-be450wwbt0z5it-1-newproduct

e poi questi boccali, sono praticissimi per il pic inc!

 

buona scampagnata anche a voi….

Acquisti giardinaggio e fai da te

19 luglio 2016 § 1 Commento

Le vacanze estive
sono l’occasione per dedicarsi ai lavori in giardino procrastinati da tempo e anche se il dovere coincide spesso con il piacere, non si finisce mai di potare, tagliare, scavare, piantare o spostare e compiere tante altre operazioni perché si sa, il giardino è in movimento (come più o meno scrive Gilles Clément) e noi giardinieri con lui.

lavori in giardino

In questo periodo, oltre che al giardinaggio mi sto dedicando anche alla progettazione della mia Garden Room che presto forse sarà ultimata. Chi mi segue su Facebook e su Instagram sa a cosa mi riferisco, qualche accenno l’avevo già fatto, ho acquistato una piccola cantina vicino casa da utilizzare come spazio di lavoro, anche se i metri sono davvero pochi ho avuto grandi problemi con la ristrutturazione del locale. Cercando su internet alcune soluzioni di arredo per il verde mi sono imbattuta in un nuovo sito Verdelook che pubblicizza il lavoro di un’azienda specializzata da ben cinque generazioni in articoli per il giardinaggio ed il fai da te. La cosa particolare del sito, è che non propone vendita online come ormai accade normalmente, bensì rimanda all’acquisto nei migliori negozi e catene del settore, dove è possibile vedere da vicino e toccare con mano la qualità della gamma dei prodotti selezionati e distribuiti da Verdelook.

bidone

secchiozinco

In particolare stavo cercando un bidone in zinco e credo che farò man bassa anche degli altri articoli in questo materiale che adoro, come il secchio e la paletta a manico lungo e poi ho visto alcune lanterne e flowers house che mi piacciono proprio.

411_004119_tutore_zinc_01_pii686

Già che c’ero, pensando invece all’orto, mi sono fatta anche una cultura sui teli ombreggianti e sulle canne e i tutori, insomma non mi rimane che recarmi nel più vicino fai da te o fornito ferramenta della mia zona e ricercare i prodotti con il loro marchio.

Gufo in giardino

29 giugno 2016 § 3 commenti

E’ un animale notturno che vive nelle foreste e nei boschi,
si nutre di topi, talpe, scoiattoli, pipistrelli, ratti, uccelli e insetti.

gufo in giardino

Durante il giorno dorme nelle cavità degli alberi o in vecchi ruderi mimetizzandosi perfettamente grazie al variegato piumaggio, e la sua presenza misteriosa, da sempre è simbolo di grande saggezza e conoscenza per la capacità di vedere nel buio.

Rappresenta infatti in tante culture antiche la creatura magica figlia della notte e in giardino è sempre il benvenuto come guardiano notturno e la sua presenza può essere simulata in giardino con riproduzioni realizzate in pietra, terracotta o altro materiale resistente alle intemperie.

da Vivere Country maggio 2016

 

 

vasi e tutori per ortaggi e fiori

10 giugno 2016 § 3 commenti

Per chi vuole fare crescere
ortaggi e fiori in terrazzo o se come me la vostra porzione di giardino è esposta prevalentemente all’ombra di grandi alberi e il sole scalda dove la terra non c’è, la coltivazione in vaso è l’unica soluzione.

vasi veca

La scelta del contenitore dovrà essere dettata non solo dall’estetica ma anche dalla funzionalità e dalla qualità. Soprattutto se volete coltivare piante in terrazzo, per evitare sovraccarichi scegliete vasi in materiale plastico che sono comunque molto utili anche in giardino in quanto l’eventuale trasporto delle piante risulta agevolato. Penso ad esempio alle dalie che coltivo in vaso per timore che il gelo invernale e l’umidità possano danneggiare il loro tubero. Quando è terminata la stagione vegetativa taglio il fusto, sospendo l’irrigazione e le lascio direttamente nel loro vaso che sposto in una zona riparata e all’ombra ed evito così la noiosa operazione di dissotterramento, pulizia e stoccaggio dei tuberi. Certo non sono piante pesanti da spostare ma ben venga la leggerezza della plastica.

etichetta qualità

Quest’anno ho rinnovato i miei vasi. Apparentemente i contenitori in materiale sintetico possono sembrare tutti uguali ma la qualità fa la differenza, ho scelto un prodotto di Veca, una ditta italiana, e il modello si chiama Easy, dalla forma semplice e molto classica, è disponibile in una vasta gamma di tonalità e misure da 25 a 65 centimetri. Mi sono concessa un colore che si fondesse con la natura circostante, il Taupe mi piace molto è una tinta sufficientemente neutra anche se ero indecisa per un Prugna.

Prima di utilizzarli ho forato il fondo, non avevo a disposizione un trapano ho quindi usato una piccola trivella a mano.

forare fondo dei vasi

Ho messo a dimora una dalia, una bellissima varietà che vi consiglio per il fiore semplice rosa pallido e il fogliame bronzeo Dahlia ‘Bishop of Leicester’ che prevedo starà benissimo abbinata al colore Taupe del vaso e tre piantine di pomodoro datterino che così riesco a spostare sulle scale in pieno sole e non devono accontentarsi di quello dello spazio destinato all’orto che per la maggior parte è filtrato dagli alberi.

mettere a dimora dalie

mettere a dimora pomodori

Per entrambe le specie vegetali ho preparato dei particolari tutori che saranno necessari e di sostegno al loro sviluppo.

ingredienti

Cosa occorre:

– canne di bambù di diametro piccolo
– fil di ferro di diametro grosso
– tronchese
– trivella a mano
– pennarello a punta spessa

forare la canna

inserire fil di ferro nella canna

Con la trivella praticate un foro di entrata e uno di uscita in corrispondenza della parte superiore posta sopra ogni nodo. Inserite il fil di ferro e fate un mezzo giro per stringerlo alla canna.

spirale in fil di ferro

Avvolgete a spirale i due capi del fil di ferro al pennarello.

Sfilate il pennarello e distendete la spirale così da formare un appiglio alle piante in crescita.

aggiungere tutori

Inserite le canne nei vasi facendo attenzione a rimanere distanti dalle radici e dai tuberi. Bagnate il terreno per consolidare.

TIP:

Quando mettete a dimora le dalie, formate una sorta di montagnetta con la terra e adagiatevi sopra i tuberi prima di coprire il tutto.

DIY: ghirlanda di fiori di carpino bianco

7 giugno 2016 § Lascia un commento

Davanti casa,
nel bosco-giardino, furono piantati circa 30 anni fa 4 sparuti alberelli, trasportati su una vecchio maggiolino che a ricordo dell’episodio riportò la ferita di un ramo sulla fodera interna del tetto.

Carpino bianco

Sarebbero serviti a creare privacy e frescura durante l’estate. Quei 4 carpini bianchi, Carpinus betulus, sono ora diventati possenti alberi e sotto le loro fronde sono trascorsi tanti momenti sereni della nostra famiglia. Hanno trovato posto il tavolo da pranzo, una comoda panca, l’amaca e quando i bimbi erano piccoli l’altalena.

infiorescenze carpino

In questo periodo sono carichi di amenti, infiorescenze pendule formate da serie di brattee e bratteole che nascondono fiori maschili e femminili. Producono molti semi che trasportati dal vento danno origine a numerose piantine che se non si fa attenzione ad estirpare in giovane età, in breve tempo formano un bel boschetto.

Ho raccolto le infiorescenze del carpino per realizzare una ghirlanda che anche quando sarà essiccata conserverà tutto il suo fascino.

Cosa occorre:

– Infiorescenze di Carpinus betulus
– Fil di ferro sottile
– tronchese e pinza

occhiello per ghirlanda

avvolgere in spirale le bratteee

formare ghirlanda

Tagliate il fil di ferro il doppio della misura che vorrete dare alla ghirlanda. Preparate un piccolo occhiello su un estremità e iniziate ad avvolgere le brattee formando attorno ad esse una spirale, procedete inserendo man mano tutte le infiorescenze fino al completamento del giro. Ultimate inserendo l’altra estremità del fil di ferro all’interno dell’occhiello formato in precedenza.

ghirlanda di fiori di carpino

Il carpino bianco è simbolo di vigoria e vitalità perché sopporta le più crudeli potature rinnovandosi e propagandosi con grande facilità.

DIY: etichette per piante

8 aprile 2016 § 14 commenti

Avevo letto su un libricino francese
“Une plante sans nom est une plante perdue” (una pianta senza nome è una pianta perduta) e per far tesoro di questa saggia frase ed evitare di confidare solo sulla mia sempre meno affidabile memoria mi sono imposta di dotare tutte le piante a rischio di anonimato di etichette che sono essenziali anche per le operazioni di semina e nella preparazione delle talee.

etichette riciclo

Se vi avanza un po’ di tempo, utilizzatelo per realizzare queste semplici etichette, perfette per tutte le vostre beniamine. Bastano un po’ di fil di ferro, qualche vecchia scheda o carta punti fedeltà, della vernice effetto lavagna e un pennarello indelebile per scrivere il nome.

Cosa occorre

– morsa
– filo di ferro non troppo sottile
– vecchia scheda o carta punti fedeltà in plastica
– carta vetro
– fondo aggrappante
– vernice effetto lavagna o chalk paint nera
– vernice protettiva
– pennarello indelebile bianco a punta fine

blocco fil di ferro nella morsa

Tagliate 65 centimetri di fil di ferro, piegatelo a metà e inserite le due estremità inferiori libere, per circa 9 centimetri, nella morsa e bloccate. Nell’occhiello formatosi nella parte superiore, infilate un grosso chiodo e torcete lentamente mantenendo una tensione regolare ed esercitando forza verso l’alto.

arrotolare sopra pennarello

asta etichetta

Quando il fil di ferro è attorcigliato, liberatelo dalla morsa e con le due estremità fate un doppio giro, formando una sorta di molla, su un pennarello o un altro oggetto cilindrico di circa 1 centimetro di diametro.

carteggiare e prima mano aggrappante

pittura effetto lavagna

Preparate il cartellino carteggiando la superficie di una vecchia scheda o carta punti fedeltà in plastica per fare aderire meglio la vernice prima di procedere con una prima mano di aggrappante e a seguire la pittura effetto lavagna (se volete potete crearla mescolando un po’ di stucco o gesso in polvere al colore acrilico). Con il pennarello bianco indelebile scrivete il nome della pianta e come ulteriore protezione finite con una mano di vernice trasparente. Inserite infine il cartellino nelle molle del supporto in metallo.

scrittura con pennarello

Articolo tratto dal mio primo libro “Buon Gardening!” ed. Mondadori – 2015

Ultime copie ancora in vendita qui

Giardini d’inverno

22 febbraio 2016 § 8 commenti

Chi mi segue anche su facebook
avrà notato che da circa un mese ogni giovedì pubblico fotografie di bellissime Garden Houses per stare al gioco di tante colleghe blogger che condividono invece foto di aitanti ragazzotti per il rituale mediatico “giovedì gnocchi”.

garden housePosticini incantevoli che fanno sognare ad occhi aperti!

A chi non piacerebbe trascorrere un po’ del suo tempo in un luogo simile dove rilassarsi circondato dalle piante preferite? Nate come aree coperte adibite alla coltivazione delle specie più delicate e dove praticare con successo semine e trapianti, le serre, non solo sono spazi ambiti dai giardinieri più appassionati ma con il tempo hanno assunto anche una funzione di prolungamento della dimora principale, divenendo veri e propri giardini d’inverno così accanto a rare orchidee, felci, agrumi o particolari piante tropicali, trovano posto complementi d’arredo e confortevoli sedute che invitano ad una pausa relax.

***

Those who follow me on facebook as well would have noticed that, for about a month, every Thursdays I’ve been publishing photographs of beautiful Garden Houses to keep up with many colleague bloggers that share instead photos of handsome men for the media ritual “Thursday: gnocchi”.

Charming little places that make you daydream!

Who wouldn’t like to spend a bit of time in such a place where you can relax surrounded by your favorite plants? Born as covered areas used to grow the most sensitive species and to practice with success seeding and transplants, the greenhouses, not only are spaces coveted by the most passionate gardeners but as time went by they also began to have the function of extension of the main dwelling, becoming true winter gardens. Therefore close to rare orchids, ferns, citrus or special tropical plants, furnishings and comfortable chairs that invite you to a relaxing break take place.

Traditional Conservatory : Giardino d’inverno in stile rustico di Westbury Garden Rooms

 

In Francia e Inghilterra, è abbastanza comune vedere questo tipo di struttura di pertinenza al giardino, la tradizione affonda le sue radici nel periodo dello sviluppo siderurgico di fine ‘700 che ha permesso la loro costruzione in larga scala e l’apice di produzione fu nell’Inghilterra di epoca vittoriana. In Italia, il clima più mite permette di fruire della gioia di stare all’aperto per un lungo periodo e la necessità di creare una struttura chiusa non è mai stata così sentita, i primi giardini d’inverno sono nati come trasformazione delle Orangeries, apposite aree che custodivano durante l’inverno le preziose piante che solo i nobili e le persone più abbienti potevano permettersi.

***

In France and England it is quite common to see this kind of structure close to the garden, this tradition has its roots in the period of the development of the steel in the end of ‘700 that allowed their construction in large scale. The production peak was in England in the Victorian era. In Italy the mild climate allows to enjoy the delight of being outdoors for a long period and the need of creating a closed structure was never much felt, the first conservatories were created as a transformation of the Orangeries, special areas that during winter time guarded the precious plants that only the nobles and wealthy people could afford.

giardino d’inverno per VENDITA PRODOTTI : Giardino d’inverno in stile classico di Cagis

 

Il mercato offre una vasta scelta di strutture in legno, alluminio o ferro e idee arredo giardino in grado di soddisfare tutti i gusti per coniugare ogni esigenza tecnica con quella economica, in fondo non è un sogno così dispendioso da realizzare, basta avere un pezzetto di terreno, non necessariamente attiguo alla casa, e ottenere i permessi necessari alla costruzione che generalmente variano a seconda delle normative comunali.

***

The market offers a wide choice of structures in wood, aluminum or iron and garden decor ideas that can satisfy all tastes and combine technical needs with the economic ones, after all it is not a dream too expensive to make come true, you need to own a piece of land, not necessarily contiguous to the house, and obtain the necessary permits for the construction, which generally vary according to municipal regulations.

Balcone, Veranda & Terrazza in stile minimalista di ARTERRA
Garden House contemporanea di ARTERRA

 

In attesa di esaudire questo desiderio mi sono regalata un piccolo spazio, per ora è solo un magazzino ma a breve diventerà la mia Garden House, o meglio Green Room, presto inizieranno i lavori di trasformazione!

Stay tuned

***

Waiting to fulfill this wish I made myself a present: a small space, just a store at the moment, that soon will become my Garden House, or better my Green Room. The transformation works will soon begin!

Dove sono?

Stai esplorando gli archivi per la categoria arredo giardino su aboutgarden.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: