DIY: seed packet

10 agosto 2012 § 30 commenti

In giardino non ci si annoia mai…

Il caldo di agosto aiuta la maturazione della semenza che le tante piante ormai sfiorite stanno producendo. E’ il momento di lavorare per raccoglierla e catalogarla. Ho preparato una bustina per conservare i nostri semi in ordine e protetti. Prima di riporli nelle buste, occorre avvolgerli in un po’ di carta di alluminio come suggerisce Delia per meglio preservarli da eccessi di secco o umidità fino al loro uso.


download here


Possiamo coinvolgere nella preparazione i nostri bambini, sarà una divertente esperienza per loro e un piccolo aiuto per noi!

Per le bustine uso carta da stampante con grammatura 120.

Annunci

DIY: Fiori Origami

14 febbraio 2012 § 30 commenti

In attesa dei fiori di primavera…
un tutorial per realizzare fiori con l’antica ed affascinante arte origami.

Oggi per qualcuno è un giorno da festeggiare, basta un fiore, un biglietto di auguri ed un nastro rosso !

free label

E’ arrivato in dono alla mia bimba un libro sulla tecnica Origami, abbiamo eseguito assieme alcune figure.

Come la maggior parte degli origami si parte dalla forma quadrata. Tagliare con il cutter alcuni fogli 10x 10 centimetri.
Piegare la carta con precisione seguendo l’ordine delle figure fotografate, partendo dall’alto a sinistra. Ripassare bene le piegature con il dorso dell’unghia o con l’apposito attrezzo.

La carta da utilizzare deve essere sottile ma resistente per tenere bene la piega. Questo Origami si avvale dell’aiuto di un collante per la sua realizzazione, ho usato la colla vinilica ma per una presa più veloce si utilizza quella a caldo

Per i miei fiori ho adoperato vecchi spartiti musicali trovati per pochi euro in alcuni mercatini dell’antiquariato.

Ho preparato un free da stampare per chi non avesse a portata di mano gli spartiti. Per ottenere un’effetto ancora più Shabby, potete tingere la carta immergendo il foglio in un infuso di tè.

printable

libri per le feste -1

3 gennaio 2012 § 13 commenti

Durante queste vacanze natalizie
mi sono regalata qualche ritaglio di giornata per poter leggere alcuni libri che da qualche tempo attendevano impilati sul mio comodino. Alcuni giunti in dono, altri avidamente desiderati. Il tema lo so, sarò monotona, ma è sempre inerente il giardino.

Due di questi libri “sarebbero” dedicati al pubblico infantile. Sarebbero, in quanto prima che per la mia bambina, li ho desiderati per me!

Il primo ricevuto in dono da una gentilissima amica, era sfuggito alla mia attenzione, un vero peccato, in quanto fa parte di una collana elaborata dai Musei di Nervi e dai Servizi Educativi e Didattici del Comune di Genova, edito dalla casa Editrice Artebambini e scritto in collaborazione con Libereso Guglielmi, Pia Pera e Michele Ferri.

Il titolo è ALBERI. Segni, parole, scienza e altro per un gioco ad arte. Il libro offre l’opportunità di conoscere queste grandi presenze vegetali stimolando la curiosità del bambino attraverso differenti percorsi. L’arte apre le riflessioni mediante l’analisi di alcune opere di grandi pittori del passato, tra le pagine centrali, una storia narrata da Pia Pera ed infine la spiegazione scientifica di Libereso Guglielmi che ne permea le ultime pagine. In appendice un piccolo opuscolo “Giardinieri in erba”, dove trovare pratiche schede botaniche sulle erbe spontanee illustrate da Libereso Guglielmi.In allegato il DVD con la voce narrante di Pia Pera.

credo sia un vero peccato non averlo nella propria biblioteca, così come         LINNEA NEL GIARDINO DI MONET un libro che aveva visto la sua prima edizione nel 1992 e nel 2010 è arrivato alla quarta ristampa per le edizioni Giannino Stoppani di Bologna.

Forse ora non è più una novità per il mondo dell’editoria avvicinare i piccoli lettori alle opere dei grandi artisti attraverso le favole, ma Linnea è stato uno dei primi libri e racconta l’affascinate avventura di una bimba alla scoperta dell’impressionismo sui passi del grande Monet. Visiterà il suo giardino a Giverny e con tutta l’esuberanza e la gioia della sua età vivrà grandi emozioni.
Bellissimi disegni alternati ad immagini reali tratte dalla vita di Monet illustrano il prezioso volumetto.

Sfoglierò con la mia bambina i bellissimi libri e fantasticheremo assieme su verdi avventure imparerà ad amare l’arte e a rispettare la natura, ottimi doni per la calza della Befana!

magici semi di zucca

27 ottobre 2011 § 9 commenti

Non amo la festa pagana di Halloween
importata recentemente anche in Italia dai Paesi anglosassoni.
Non ne trovo radici, nè alcuna appartenenza culturale.
Siamo sottoposti ad un forte processo mediatico di sfruttamento commerciale di questo antico rito legato originariamente al tema agricolo.
Halloween celebrava con la fine di ottobre, il termine del lavoro nei campi. A cavallo con la festa cristiana di Ognissanti del 1 novembre e della celebrazione dei morti del giorno seguente, si è trasformata in una ricorrenza legata al mistero, alla magia, al mondo delle streghe e degli spiriti.
La zucca ne è simbolo indiscusso in quanto ortaggio principe del periodo autunnale e adatta per creare suggestive lanterne.

Forse ancor più che gli adulti, ne subiscono il fascino i giovani ed i bambini.

Ricolleghiamo questa festa alle antiche tradizioni agricole. Giochiamo con i nostri bambini accompagnandoli a scoprire le magie della natura.

prepariamo assieme a loro le belle bustine contenenti i magici semi di zucca come nel progetto di Marion Taslé.

ingradisci e stampa

Raccogliamo dalle zucche i semi, li utilizzeremo per seminarli più saggiamente in primavera o come ottimo e sano alimento ricco di sali minerali, zinco e fosforo. Contengono cucurbita, sostanza che favorisce un’azione preventiva verso i disturbi dell’apparato urinario, sia maschile che femminile. La presenza di magnesio, vitamina E, selenio e acido linoleico contribuiscono a migliorare il tono muscolare della vescica.

Sono salutare snack se leggermente tostati in forno o in padella con aggiunta di poco sale.

antiche  varietà di zucca
leggi il mio post su L’orto di Michelle

Ancora fino a fine ottobre…

invito tutti, in qualità di Capo Delegazione FAI  (Fondo Ambiente Italiano) di Savona, a sostenere la campagna nazionale  “Ricordati di salvare l’Italia

    • dona 2 euro con un sms al numero 45506 da cellulari Tim, Vodafone, Wind, 3, Coopvoce, Postemobile e Tiscali
    • oppure 5 o 10 euro chaiamando da rete fissa Telecom Italia, Infostrada, Fastweb e Tiscali
    • 2 euro chiamando da rete fissa Teletu per salvare straordinarie testimonianze del patrimonio d’arte, natura e paesaggio italiano che il FAI tutela.

Ricordati di salvare l’Italia.
Costruiamo insieme un futuro migliore.

partecipo al concorso blog mariclaire:
grazie se vorrete con un clic (su JE VOTE ) al giorno votare aboutgarden!qui

piccoli laboratori verdi

29 settembre 2011 § 14 commenti

Il verde e la natura devono essere apprezzati fin da bambini…

Imparare  a conoscere piante e fiori attraverso il gioco, è uno stimolo importante per porre le basi di  piccole nozioni naturalistiche.

Il bosco e il giardino offrono sempre materiale interessante che in mani esperte e menti creative possono condurre il bambino verso l’uso di parti vegetali per formare un bellissimo collage.  Nel creare una piccola e divertente “tavola botanica” si aiuta il bambino a conoscere i tanti elementi presenti in natura.

Elsa Mora è un’artista poliedrica che ama la natura, vive a Los Angeles California.

Con i petali di alcuni fiori ha creato simpatiche figure facilmente replicabili. Utilizza materiale fresco, il risultato è assai effimero, ma visto che non necessita di preparazione di essicatura è di pronto uso. Nella tavola seguente, da lei realizzata, ho cercato di individuare le varie parti vegetali…

Con le foglie che possiamo raccogliere anche in questa stagione, si possono realizzare fantasiosi animaletti come quelli proposti da  KO-KO-KO-KIDS.

Raccogliere, essiccare, incollare, semplici gesti, materiali economici per un risultato di sicuro effetto!partecipo al concorso blog mariclaire:
grazie  se con un clic (su JE VOTE ) al giorno vorrete votare aboutgarden!

gioielli naturali

30 dicembre 2010 § 1 Commento

Prepariamoci per il capodanno
vestendo la natura anche con un gioiello seguendo l’esempio dell’artista
Ceca Georgieva che utilizza elementi come foglie, semi ed amenti particolari, molto coriacei e resistenti per la realizzazione di romantici accessori.

Come effimere opere d’arte potremo sbizzarrirci nel ricreare i nostri gioielli seguendo il ritmo della natura e di ciò che essa ci offre nel susseguirsi delle stagioni.

Si potrebbe copiare l’idea di costruire un gioiello naturale anche per passare un pomeriggio diverso con i nostri bambini. Al contempo potrebbero studiare le varie texture delle foglie per capirne la differenza tattile e visiva e riconoscere alcune particolari silique ed amenti.

Dove sono?

Stai esplorando gli archivi per la categoria laboratori bambini su aboutgarden.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: