Piante da cortile

7 febbraio 2014 § 36 commenti

“Esistono piante che vivono nell’ombra,
quella vera e quella dei ricordi.

***

“There are plants that live in the shadow, the real and the one of the memories.

AspidistraAspidistra

Erano spesso presenti nei cortili e negli androni delle scale dove talvolta, un po’ defilate, ancora dimorano senza grandi pretese di bella mostra, scelte perchè garantiscono massa verde persistente durante tutto l’anno e bassissima o quasi nulla manutenzione così da essere gradite ed apprezzate anche da chi voglia, con poco lavoro, ricevere la compagnia di una presenza vegetale. Le piante più utilizzate che i vicini si scambiano e moltiplicano con piacere appartengono alla famiglie delle Tradescanzie, delle Asparagine, delle Hosta, delle Felci delle Clivie o delle Aspidistre tra le più comuni, e anche se in realtà di ogni gruppo sono disponibili diverse specie e ibridi le varietà adoperate sono pressochè sempre le stesse.

***

They are often found in backyards and in the halls of the stairs where sometimes, a bit  hidden, they still dwell unpretentiously. Chosen because they provide green mass persistent throughout the year and very low or almost no maintenance so as to be liked and appreciated even by those who wish, with little effort, enjoy the company of a vegetable presence. The most commonly used plants, that neighbors exchange and multiply with pleasure, belong to the families of the Tradescanzie, the Asparagine, the Hosta , the Ferns, the Clivie or the Aspidistras among the most common ones, and although in reality in each group there are many different species and hybrids, the varieties used are almost always the same.

AsparaginaAsparagina

Meriterebbero maggiore attenzione queste piante, fedeli protagoniste di quei luoghi dove l’occhio di solito non si sofferma, dove vegetano senza troppa gloria, possono invece essere trasferite senza problemi in terrazzo, dove potranno occupare una zona in mezzombra riparata dal vento e riscattare una più degna considerazione.”

***

These plants would deserve more attention, faithful protagonists of those places where the eye usually does not linger, where they vegetate without much glory, they might instead be moved without any problems on a terrace, where they might occupy an half-shadowed area sheltered from the wind and redeem a more worthy of consideration .”

di Simonetta Chiarugi
pubblicato su Vivere Country – gennaio 2014

Il numero di febbraio è già edicola.
I lavori nell’orto, in terrazzo, in giardino e il verde di casa ci aspettano, vi racconto di narcisi, di edere, di graminacee,  orti sinergici e tanto altro ancora…

Le fotografie utilizzate per questo servizio sono state scattate nel magnifico giardino di Mirella Collavini, grande collezionista ed estimatrice di questo genere di piante. Sempre troppo poco considerate, per la  minima manutenzione richiesta,  possono invece fare la gioia dei giardinieri più pigri e risolvono i problemi  delle zone ombrose del giardino.

***

The photographs used in this article were taken in the magnificent garden of Mirella Collavini, a great collector and admirer of this 
genus of plants. Always too little considered, due to the the minimum maintenance request, they may instead make the joy of lazy gardeners and resolve  the problems of the shady areas of the garden.

Annunci

Dove sono?

Stai esplorando le voci con il tag Clivia su aboutgarden.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: