annotazioni creative #marzo

14 marzo 2014 § 7 commenti

Prima che anche marzo
scappi via come ultimamente sta accadendo a tutti i mesi segnati sul mio calendario, volevo segnalare i primi attesi appuntamenti verdi della stagione.

***

Before also March runs away, just like lately has been happening to all the months marked on my calendar, I want to point out the first awaited green events of the season.

marzo annotazioni creative

– Questo fine settimana 15 – 16 marzo, per gli amici che abitano in Sardegna segnalo “Primavera in Giardino” l’evento florovivaistico che da ormai 14 anni, Italo Vacca e Leo Minniti, del vivaio I Campi (Milis) , organizzano con l’ idea di esplorare il ricchissimo mondo di piante e tecniche di giardinaggio piu’ adatte alla Sardegna.
Villa Pernis – MILIS (OR)
DALLE 10 ALLE 18

***

This weekend, March 15 to 16, for the friends who live or travel in Sardinia “Primavera in Giardino”will take place. An horticultural event that for the past 14 years, Italo Vacca and Leo Minniti, of the nursery I Campi (Milis), have been organizing guided by the will to explore the very rich world of plants and gardening techniques more suitable for Sardinia.
Villa Pernis – MILIS (OR)
From 10 a.m. to 6 p.m.

Echium

– Anche se qualcuno dovrà intraprendere un lungo viaggio per partecipare, il 22/23 marzo, ritorna “Dies Violae.. ” un evento al quale sono particolarmente legata per motivi affettivi e altro. Protagoniste le più belle violette spontanee della collezione di Mirella Collavini, la Signora delle Viole. Romantiche proposte del mondo delle viole: stampe botaniche, vecchi libri, ricami, profumi e cuori… romantica forma ripresa dai grandi cesti di Massimo Villa ricolmi di viole e violette. Nei 2 giorni si terranno lezioni su come intrecciare aiuole a forma di cuore. Faranno da cornice conversazioni a tema
Rivignano (UD) – via Cavour 5 tel 0432/773364.
Cell 349/8931104, mail: mirivio@yahoo.it

Mi raccomando portate i mie saluti a Mirella!
***
Even if someone will have to undertake a long journey to attend it, on March 22/23, returns “Dies Violae…” is an event to which I am particularly linked to by emotional reasons and more. Protagonists the most beautiful wild violets of the collection of Mirella Collavini, the Lady of the Violets. Romantic proposals from the world of violets: botanical prints, old books, embroideries, perfumes and hearts… romantic shape resumed from the large baskets of Massimo Villa full of violets. During the two days there will be lessons on how to braid flower beds in the shape of a heart. Conversations on the theme will frame the event.
Rivington (UD) – via Cavour 5 tel 0432 / 773 364 .
Cell 349/8931104, Email: mirivio@yahoo.it

I recommend you bring my greetings to Mirella!

Violette spontanee

– Nello stesso fine settimana del 22 e 23 marzo sarò impegnata come capo delegazione di Savona, nelle tradizionali Giornate FAI di Primavera. Quest’anno il tema che accomuna tutte le proposte è l’età di Cesare Augusto, a Savona vi aspettiamo con la possibilità di visitare due piccole cappelle normalmente chiuse al pubblico sull’unica via romana che portava in Piemonte.

– Intenso fine settimana, sempre il 22-23 marzo ma verso la riviera adriatica, vi aspetta “Giardini d’Autore”  mostra di giardinaggio di qualità che offre il meglio del panorama nazionale.
Villa Lodi Fè – Riccione (RM)

– infine se volete cimentarvi con un nuovo giochino, Pearltrees, sono mappe mentali che aiutano ad organizzare e condividere i propri interessi nel nostro caso il giardinaggio.

***

On the same weekend of 22 and 23 March I will be committed as head of  the delegation of Savona, in the traditional Giornate FAI di Primavera. This year the theme that unites all the proposals is the age of Caesar Augustus, in Savona we will be waiting for you who will have the opportunity to visit two small chapels on the only Roman road that led to Piedmont normally closed to the public.

Intense weekend, always on March 22-23, but towards the Adriatic coast, “Giardini d’Autore will be waiting for you, it’s a gardening show that offers the best on the national scene.
Villa Lodi Fe – Riccione (Italy)

Finally, if you want to try a new game, Pearltrees, are mental maps that help you organize and share interests, in our case the gardening.

Annunci

Piante da cortile

7 febbraio 2014 § 36 commenti

“Esistono piante che vivono nell’ombra,
quella vera e quella dei ricordi.

***

“There are plants that live in the shadow, the real and the one of the memories.

AspidistraAspidistra

Erano spesso presenti nei cortili e negli androni delle scale dove talvolta, un po’ defilate, ancora dimorano senza grandi pretese di bella mostra, scelte perchè garantiscono massa verde persistente durante tutto l’anno e bassissima o quasi nulla manutenzione così da essere gradite ed apprezzate anche da chi voglia, con poco lavoro, ricevere la compagnia di una presenza vegetale. Le piante più utilizzate che i vicini si scambiano e moltiplicano con piacere appartengono alla famiglie delle Tradescanzie, delle Asparagine, delle Hosta, delle Felci delle Clivie o delle Aspidistre tra le più comuni, e anche se in realtà di ogni gruppo sono disponibili diverse specie e ibridi le varietà adoperate sono pressochè sempre le stesse.

***

They are often found in backyards and in the halls of the stairs where sometimes, a bit  hidden, they still dwell unpretentiously. Chosen because they provide green mass persistent throughout the year and very low or almost no maintenance so as to be liked and appreciated even by those who wish, with little effort, enjoy the company of a vegetable presence. The most commonly used plants, that neighbors exchange and multiply with pleasure, belong to the families of the Tradescanzie, the Asparagine, the Hosta , the Ferns, the Clivie or the Aspidistras among the most common ones, and although in reality in each group there are many different species and hybrids, the varieties used are almost always the same.

AsparaginaAsparagina

Meriterebbero maggiore attenzione queste piante, fedeli protagoniste di quei luoghi dove l’occhio di solito non si sofferma, dove vegetano senza troppa gloria, possono invece essere trasferite senza problemi in terrazzo, dove potranno occupare una zona in mezzombra riparata dal vento e riscattare una più degna considerazione.”

***

These plants would deserve more attention, faithful protagonists of those places where the eye usually does not linger, where they vegetate without much glory, they might instead be moved without any problems on a terrace, where they might occupy an half-shadowed area sheltered from the wind and redeem a more worthy of consideration .”

di Simonetta Chiarugi
pubblicato su Vivere Country – gennaio 2014

Il numero di febbraio è già edicola.
I lavori nell’orto, in terrazzo, in giardino e il verde di casa ci aspettano, vi racconto di narcisi, di edere, di graminacee,  orti sinergici e tanto altro ancora…

Le fotografie utilizzate per questo servizio sono state scattate nel magnifico giardino di Mirella Collavini, grande collezionista ed estimatrice di questo genere di piante. Sempre troppo poco considerate, per la  minima manutenzione richiesta,  possono invece fare la gioia dei giardinieri più pigri e risolvono i problemi  delle zone ombrose del giardino.

***

The photographs used in this article were taken in the magnificent garden of Mirella Collavini, a great collector and admirer of this 
genus of plants. Always too little considered, due to the the minimum maintenance request, they may instead make the joy of lazy gardeners and resolve  the problems of the shady areas of the garden.

il giardino della Signora delle Viole

22 novembre 2013 § 34 commenti

La visita al giardino
di Mirella Collavini esaudisce un desiderio espresso da tempo, da quando avevo letto di lei su alcuni inserti speciali di AD dedicati al vivere in campagna.

***

The visit to the garden of Mirella Collavini fulfills a desire expressed a long time ago, when I read about her on some special inserts dedicated to life in the country on AD.

ingresso giardino d'inverno giardino d'inverno giardino d'inverno vasi

Un giardino friulano che collima per forma e contenuto alla mia idea di spazio verde, intimo, perché per scoprirlo bisogna attraversare un incantevole giardino d’inverno o varcare l’uscio della bellissima casa d’epoca che lo custodisce, ambienti in cui si fondono storia, arte e cultura.

***

A garden of Friuli that coincides in form and content to my idea of ​​green space: intimate, since in order to find it out you have to cross a charming winter garden or pass through the door of the beautiful old house that protects it, environments that combine history , art and culture.Buxus

giardino Mirella Collavini

Elegante, perché sapientemente disegnato da un gioco di arbusti sempreverdi, in prevalenza bosso topiato a sfera presente in grande numero anche in singoli vasi di terracotta, e poi tasso e alloro.

***

Elegant, because expertly designed by a game of evergreen shrubs, mostly ball shaped boxwood present in large numbers in individual clay pots, and then yew and laurel.

door in the garden

Formale, perché ricalca un disegno geometrico con tanto di pareti e di stanze a cui si accede varcando una soglia sottolineata da vere porte in legno che demarcano il confine tra lo spazio interno e quello di verzura.

***

Formal, because it follows a geometric design with walls and rooms accessible by crossing a threshold underlined by real wooden doors that demarcate the boundary between the interior space and greenery one.

porta giardino d'inverno particolare

Bello in ogni stagione, proprio per la predominanza dei sempreverdi ai quali si alternano fioriture di rose, di ortensie e di viole che occhieggiano ovunque… Proprio le viole sono il fiore amato dalla padrona di casa che le coltiva, le colleziona e ai più fortunati le vende!

***

Beautiful in every season because of the strong presence of evergreen to which alternate themselves blooms of roses, hydrangeas and violets that peep out everywhere… The violets are the flowers most loved by the hostess that cultivates and collects them and, to the more fortunate ones, sells them!

walkways

camminamenti

E’ questo il fiore che mi ha condotto a lei, un fiore che amo, per forma, colore, storia profumo e gusto, Mirella Collavini ha formato nel tempo una ricca collezione che comprende le rinomate doppie di Udine e la Viola odorata ‘Conte Di Brazza‘ (venuta via con me), il tema è declinato anche nella raccolta di oggetti, cartoline e qualsiasi altra cosa le rappresenti e a marzo, nel primo fine settimana di primavera, la sua casa si apre per una festa a loro dedicata.

***

This is the flower that led me to her, a flower I love for its form, color, smell, history and taste. Mirella Collavini has formed over time a rich collection that includes the famous double of Udine and the scented Violet of Count of Brazza (which came away with me), the subject also declined in the collection of items, cards and anything else represent them, and in March, during the first weekend of spring, her home opens for a party for them.

Violetta Coeur d'Alsace

Violetta ‘Coeur d’Alsace’ nel mio bosco-giardino,
primo acquisto a Masino della collezione di Mirella Collavini

Mirella riserva alla decorazione del giardino la stessa cura dedicata agli interni, la sua creatura verde vive con lei, dei suoi stati d’animo e della sua forza. Ha passato momenti di maggior gloria come da lei stessa raccontato e ha dovuto affrontare tante perdite e sconfitte, come la recente malattia dei bossi che ha modificato l’aspetto di alcuni volumi portando all’introduzione di nuovi tassi o quanto capitato al giardino degli aromi che ha ceduto alle difficoltà climatiche del luogo ed ora ha lasciato lo spazio ad un nuovo progetto appena avviato, un labirinto di allori, perché come racconta Mirella forse sta seguendo l’esempio di sua mamma che ancora a novant’anni piantava querce con la speranza di vederle crescere.

***

Mirella reserves to the decoration of the garden the same attention given to the interior, its green creature lives with her, of her moods and her strength. It lived moments of glory as told by herself and had to deal with many losses and defeats, such as the recent illness of boxwoods which changed the appearance of some volumes leading to the introduction of new yews, or with what happened in the garden of aromas that succumbed to the weather conditions of the place and now has made ​​room for a new project just started, a maze of laurels, because, as Mirella says, maybe she is following the example of her mother, who ninety year old was still planting oaks with the hope of seeing them grow.

Dove sono?

Stai esplorando le voci con il tag Mirella Collavini su aboutgarden.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: