vasi dipinti con verderame

11 ottobre 2017 § 2 commenti

Per regalare un abito nuovo ai vecchi vasi
in terracotta avete mai pensato di verniciarli semplicemente con il verderame?

vasi dipinti con verderame

Il solfato di rame, solitamente utilizzato come fungicida e nel trattamento preventivo contro i più comuni parassiti delle piante, rilascia una bella patina azzurro-verde sulla superficie d’intervento. Per ricreare sulla terracotta lo stesso colore passate con il pennello una o due mani di verderame diluito con poca acqua, per un’ azione più duratura aggiungete al miscuglio una piccola quantità di colla vinilica. Gli agenti atmosferici e il tempo contribuiranno ad aggiungere ulteriore fascino ai vostri vasi.

Per regalare un abito nuovo ai vecchi vasi in terracotta avete mai pensato di verniciarli semplicemente con il verderame? Il solfato di rame, solitamente utilizzato come fungicida e nel trattamento preventivo contro i più comuni parassiti delle piante, rilascia una bella patina azzurro-verde sulla superficie d’intervento. Per ricreare sulla terracotta lo stesso colore passate con il pennello una o due mani di verderame diluito con poca acqua, per un’ azione più duratura aggiungete al miscuglio una piccola quantità di colla vinilica. Gli agenti atmosferici e il tempo contribuiranno ad aggiungere ulteriore fascino ai vostri vasi.

 

Vivere Country ottobre 2016

Annunci

#segretidellanonnaingiardino – N°2 Canfora nel vaso

27 giugno 2017 § 8 commenti

Un classico rimedio della nonna,
le palline di canfora, potente antitarme di origine naturale ricavato prevalentemente dal legno di un albero di origine asiatica, il Cinnamomum camphora, da sempre utilizzate negli armadi contro gli insetti, le tarme e altri parassiti, sono un ottimo disinfettante da utilizzare anche in prevenzione della comparsa della cocciniglia e per contrastare la presenza di acari o altri insetti dannosi delle piante.

canfora nel vaso

Basta mettere qualche pallina sul fondo dei vasi e sbriciolarne qualcun’altra mischiandola al normale terriccio. Se volete trattare una pianta già infestata, inseritela in una busta di plastica con alcune palline di canfora per creare velocemente un ambiente saturo di sostanze nocive per la maggior parte degli insetti.

vasi di luce

14 aprile 2011 § 5 commenti

Quando il design incontra la natura.
Nel progetto Vase & Leuchte, MIRIAM AUST tedesca classe 1984, propone un modo differente per coltivare una pianta. La natura è artificio, entra in salotto utilizzata come elemento estetico.
Tre lampade in vetro trasparente ospitano del verde domestico in un impianto risultato di combinazioni di materiali e forme.

segnalato da  Anna

Uso esterno ed energia solare per Solar Powered Plant Pot
Un vaso luminoso in materiale plastico che accumula energia durante il giorno e la restituisce quando fa buio, con una luminescenza delicata e suggestiva. Un sistema di LED, interno alla struttura, alimentato da una batteria caricata grazie a un pannello solare.

passioni: vasi in ghisa

10 febbraio 2011 § 9 commenti

La ghisa è un materiale creato in Inghilterra
nei primi del ‘700 da una felice intuizione di Abraham Darby che era riuscito ad ottenere la fusione del ferro utilizzando il coke al posto del carbone a legna. Questa invenzione diede un impulso decisivo alla rivoluzione industriale. La ghisa servì principalmente come materiale da costruzione (locomotive, rotaie, ponti, pilastri…). Nella prima metà del ‘800 il nuovo materiale entrò anche nelle case per la realizzazione di suppellettili domestiche e nei giardini pubblici e privati per la costruzione di arredi riccamente decorati con motivi provenienti dal mondo vegetale. L’arredo in ghisa raggiunse il suo apice in Inghilterra in epoca vittoriana. Ad inizio secolo il mutamento del gusto nelle arti applicate decretò la drastica riduzione della produzione degli arredi in ghisa. Negli ultimi anni si assiste ad un rinnovato interesse per l’arredo da giardino in ghisa. Non tutti i giardini, per un insieme di dettami estetici possono ospitarne, ma se si ha passione per questo materiale, piccoli e grandi vasi possono trovare una loro collocazione anche all’interno delle nostre case.Nel seguire la nuova tendenza, il mercato offre un’ampia scelta di prodotti che dobbiamo attentamente valutare per non incorrere in contraffazioni che possono comunque toglierci il piacere dell’acquisto. Non è facile distinguere gli antichi vasi in ghisa dalle imitazioni. Antiquari, mercatini o rigattieri offrono articoli simili con prezzi molto differenti. Tante volte ho visto vendere per originali inglesi o francesi nuove produzioni in ghisa opportunamente antichizzate, provenienti anche dal mercato orientale. Un grande aiuto è dato dalla forma stessa del vaso. Le fogge utilizzate sono sempre pressoché tutte uguali e questo può far sorgere qualche dubbio. Anche se presenti alcune sigle, purtroppo non sono sinonimo di autenticità. Se comunque il prezzo è buono acquistate senza esitazione il vostro vaso. I miei li ho acquistati negli anni su vari mercatini dell’antiquariato ed il loro prezzo è compreso tra i 7 e i 30 Euro per quelli di piccole e medie dimensioni.

L’ultimo acquisto fatto in primavera credo sia l’unico originale di inizio secolo. A differenza dagli altri anche se più piccolo è molto più pesante ed è dipinto di verde. Gli arredi in ghisa per lo più venivano dipinti in colori che potessero fondersi con la natura circostante: verde, marrone, o rovere brunito.

Alcuni antiquari specializzati dove potrete trovare pezzi importanti per la vostra collezione.

Recuperando

Pietrantica

Candida Bing

Anna Pejron

O aziende che continuano la produzione o commercializzano il prodotto

Ferro e Fuoco

Unopiù

Dove sono?

Stai esplorando le voci con il tag vasi su aboutgarden.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: